Che cos’è GameFi? Il gioco d’azzardo “Play-to-Earn” spiegato

Qui analizziamo il concetto di GameFi, dalla sua storia di gioco arcade al modello commerciale di criptovaluta denominato “play-to-earn”.

Aug 03, 2022
|

Gioco Fi 1

Finora, guadagnare soldi con i giochi è stata una strada a senso unico. Tuttavia, la psicologia del gioco è cambiata. I giocatori vogliono avere un ruolo maggiore nelle partite che giocano. Vogliono essere ricompensati per il tempo trascorso online.

Ecco GameFi, un portmanteau di gioco e finanza, e uno dei settori più discussi del Web3. GameFi” si riferisce alla finanziarizzazione dei videogiochi. Si caratterizza per il suo modello di business “play-to-earn” (P2E) e si riferisce principalmente ai giochi blockchain che offrono incentivi tokenizzati ai giocatori, consentendo di creare quadri per il giocatore-come-proprietario piuttosto che per il giocatore-come-consumatore.

Continuate a seguirci mentre attraversiamo il mondo di GameFi, parlando di tutto, da cos’è e come funziona alle sue origini e alle varie versioni di proprietà.

Che cos’è GameFi?

Come già accennato, il termine “GameFi” è una combinazione delle parole “gioco” e “finanza” ed è stato coniato per la prima volta in un tweet del 2020 da Andre Cronje, CEO di Yearn Finance. GameFi mescola la tecnologia blockchain, i token non fungibili (NFT) e le meccaniche di gioco per creare un ambiente virtuale in cui i giocatori possono partecipare e ricevere token.

Fino a poco tempo fa, i videogiochi erano ospitati su server centralizzati, che davano agli sviluppatori e agli editori i diritti su tutto ciò che era contenuto nei loro giochi. Ciò significava che i giocatori non avevano alcuna proprietà o controllo effettivo sugli oggetti digitali accumulati in ore o anni di gioco. Questi oggetti vanno dalle armi e dai costumi (noti anche come “skin”) agli avatar e alle terre virtuali: pochissimi di essi avevano un valore al di fuori del gioco. Come tale, c’era nessun modo reale per i giocatori di essere ricompensati per il loro tempo trascorso online o di condividere il valore dei beni guadagnati nel gioco senza seguire la strada del professionismo (come il vlogging, lo streaming su Twitch o il gioco competitivo nei tornei).

Questo non è però il caso dei progetti GameFi. I giocatori di questi giochi possono ottenere ricompense in-game completando compiti e avanzando nei vari livelli di gioco. A differenza delle valute e degli oggetti di gioco tradizionali, queste ricompense hanno un valore misurabile al di fuori dell’ecosistema di gioco.

Ad esempio, gli oggetti di gioco assegnati sotto forma di NFT o di token per i risultati ottenuti possono essere scambiati sui marketplace NFT e sulle borse criptovalute, facendo guadagnare al settore il soprannome di “play-to-earn”.

È importante notare che il “play-to-earn” è la nomenclatura popolare, ma il gioco in GameFi non è privo di rischi, compresi i costi iniziali potenzialmente elevati che un giocatore potrebbe perdere o non riuscire a recuperare.

Come funziona GameFi?

Quasi tutti i giochi basati sulla blockchain sono accompagnati da una corrispondente valuta di gioco, un mercato e un’economia di token. A differenza del gioco d’azzardo tradizionale, non c’è un’autorità centralizzata che controlla. Al contrario, i progetti di GameFi sono solitamente gestiti e governati dalla comunità, con i giocatori che possono persino partecipare al processo decisionale.

Anche se le meccaniche e l’economia dei singoli progetti GameFi possono essere diverse, ci sono alcuni punti in comune:

  • Tecnologia blockchain: I progetti GameFi vengono eseguiti su un registro distribuito di blockchain. In questo modo si tiene traccia della proprietà dei giocatori e si garantisce la trasparenza di tutte le transazioni.
  • Modello di business Play-to-Earn: A differenza dei giochi tradizionali, in cui gli utenti giocano per vincere, i progetti GameFi adottano un modello P2E. Questi giochi incentivano i giocatori a giocare e a progredire nel gioco offrendo ricompense che hanno un valore misurabile al di fuori del gioco. Di solito si presentano sotto forma di criptovalute di gioco o NFT.
  • Proprietà degli asset: Nel gioco tradizionale, gli acquisti in-game sono investimenti non trasferibili e vincolati a un singolo gioco. Con il P2E, i giocatori possiedono i loro beni in-game tokenizzati. Nella maggior parte degli esempi, possono scambiarli con criptovalute e, in ultima analisi, con denaro liquido. Gli asset possono andare da un’armatura a un appezzamento di terreno virtuale, che vengono tokenizzati sulla blockchain.
  • Soluzioni DeFi: Molti progetti GameFi possono includere anche elementi di finanza decentralizzata (DeFi), come la coltivazione dei rendimenti, il mining di liquidità e lo staking. Questi forniscono ulteriori possibilità ai giocatori di aumentare il proprio patrimonio di gettoni.

Potrebbe interessarti anche: Approfondimenti per i consumatori sul panorama del gioco blockchain

La storia del gioco d’azzardo: dal pay-to-play al play-to-earn

Fino a poco tempo fa, i giochi si dividevano in due modelli principali di monetizzazione: pay-to-play e free-to-play. Tuttavia, ha iniziato a emergere un nuovo modello, denominato “play-to-earn”. Ecco una breve panoramica di come l’economia del gioco è cambiata nel corso degli anni.

Giochi a pagamento/Pay-to-Play (P2P): I primi videogiochi

Tutto è iniziato con i giochi arcade nei primi anni Settanta. I videogiochi arcade funzionavano secondo il modello pay-per-play. Come suggerisce il nome, i giochi venivano monetizzati per gioco. I frequentatori delle sale giochi dovevano sborsare una piccola somma per godersi uno o due turni di gioco. Questo è stato estremamente redditizio. Nel 1982, l’industria dei videogiochi arcade generava un fatturato annuo di 8 miliardi di dollari, superando quello della musica pop (4 miliardi di dollari) e del botteghino di Hollywood (3 miliardi di dollari) messi insieme.

Quando le console domestiche arrivarono sulla scena nel 1972, gli sviluppatori di giochi videro la necessità di introdurre un nuovo modello di guadagno: il pagamento singolo. A differenza del pay-per-play, che richiede microtransazioni continue che un giocatore sarebbe meno disposto a fare (avendo già investito nella console e nel gioco stesso), questo nuovo metodo di pagamento significava che i giocatori potevano semplicemente pagare una somma una tantum per ottenere l’accesso totale a un gioco. Ne sono un esempio FIFA e Super Mario Brothers.

Alla fine degli anni ’90 sono stati introdotti i modelli di abbonamento, ovvero giochi che richiedono al giocatore di pagare una quota di abbonamento regolare per mantenere l’accesso a tutte le parti di un gioco. Questo metodo era particolarmente popolare nei MMORPG (giochi di ruolo online multigiocatore di massa) come Tibia, Runescape e World of Warcraft.

Fonte: World of Warcraft

Poi sono arrivati i pacchetti di espansione e i contenuti scaricabili (DLC), in cui gli utenti venivano invogliati a spendere di più per sbloccare oggetti premium come cosmetici/”skin”, mappe e trame aggiuntive, armi superiori e vantaggi di gioco.

Giochi Free-to-Play (F2P)/Freemium: Il prossimo capitolo del gioco

Nel modello commerciale free-to-play (F2P), i giocatori hanno accesso al nucleo del gioco gratuitamente, ma sono incoraggiati a spendere soldi per ottenere miglioramenti, come vite aggiuntive, tempo di gioco illimitato, valuta digitale, avatar personalizzati e cosmetici speciali, contenuti extra e un’esperienza senza pubblicità.

Agli albori dell’App Store di Apple, lanciato nel luglio 2008, la maggior parte dei primi giochi per cellulari, come ad esempio Angry Birds, si basava sul tradizionale modello premium (cioè il pagamento anticipato del gioco).

Nell’ottobre 2009, l’App Store ha introdotto gli acquisti in-app per le applicazioni gratuite, consentendo ai giocatori di acquistare oggetti digitali, come valuta e risorse di gioco, per migliorare la loro esperienza.

Poco dopo, applicazioni mobili popolari come Angry Birds, Temple Run e Plant vs. Zombies sono passate dal modello premium a quello che chiamiamo “freemium”. Videogiochi come DOTA 2 e Team Fortress 2 hanno seguito rapidamente l’esempio, adottando il modello commerciale free-to-play e offrendo cosmetici acquistabili. Altri giochi F2P popolari sono Fortnite, Call of Duty: Warzone e Apex Legends. Oggi, oltre il 90% delle app presenti nell’App Store e su Google Play sono gratuite.

Fonte: Leggende Apex

I due modelli di monetizzazione hanno in comune il fatto che, per poter guadagnare con i giochi P2P o F2P, i giocatori hanno bisogno di trasmettere il proprio gioco in streaming o di vincere tornei di eSport. In breve, solo giocatori molto selezionati sono in grado di monetizzare il loro tempo trascorso online giocando a giochi P2P e F2P.

Play-to-Earn (P2E) e l’avvento della GameFi

Nel 2017, Ethereum ha lanciato CryptoKitties, il primo gioco blockchain ampiamente riconosciuto. Poco dopo sono stati lanciati altri giochi decentralizzati su blockchain, tra cui Ether Shrimp Farm, Ether Cartel e Pepe Farm. Questi giochi utilizzano un modello economico P2E, che offre ai giocatori l’opportunità di monetizzare il tempo trascorso a giocare.

Tuttavia, il modello P2E è decollato solo con la pandemia globale del 2020. Con molte persone costrette a casa a causa delle restrizioni di chiusura, i giochi P2E offrivano opportunità di generazione di gettoni per le persone comuni.

Come già accennato, prima del P2E l’economia dei giochi passava generalmente dal giocatore all’editore. Con il modello P2E, invece, i giocatori vengono ricompensati per i loro sforzi e il tempo trascorso online con beni digitali che hanno un valore al di fuori del gioco e che possono apprezzarsi nel tempo. Poiché questi beni sono memorizzati su una blockchain, sono di proprietà dei giocatori, non dello sviluppatore del gioco. È importante notare che il valore degli asset digitali è volatile e può anche svalutarsi nel tempo.

Nei giochi P2E, le risorse di gioco sono solitamente rappresentate come NFT, che i giocatori possono ottenere attraverso l’avanzamento nel gioco e il gameplay (come la partecipazione a compiti specifici, sfide, duelli e competizioni). Il vantaggio di questi NFT è che possono essere scambiati con criptovalute che possono poi essere scambiate con valute fiat su borse di terzi, dando vita a un nuovo mondo di economie digitali. Esempi di giochi P2E popolari sono Axie Infinity, The Sandbox e Decentraland.

Fonte: La scatola di sabbia

A differenza dei videogiochi tradizionali, in cui gli sviluppatori controllano tutti gli aspetti economici del gioco, i giocatori dei giochi P2E hanno la proprietà e il controllo delle loro risorse digitali. Possono anche contribuire alle decisioni di gioco e contribuire a plasmare il futuro del gioco attraverso l’accumulo di gettoni.

Prendiamo ad esempio Axie Infinity, un gioco basato su Ethereum che è salito alla ribalta nel 2021 ed è diventato l’NFT più googlato al mondo nel marzo 2022. In Axie Infinity, i giocatori raccolgono, allevano, addestrano e combattono creature chiamate “Assi”. A differenza degli oggetti di gioco convenzionali, ogni Axie può essere scambiato sul mercato del gioco con denaro reale (a titolo di esempio, l’Axie più costoso mai venduto è stato di 820.000 dollari).

Il gioco ha due criptovalute native: Axie Infinity Shards (AXS), che può essere acquistata e venduta su exchange come Crypto.com, e Smooth Love Potion (SLP), che è ciò che i giocatori guadagnano giocando. AXS viene utilizzato anche come token di governance, consentendo ai titolari di token di votare sullo sviluppo futuro dell’esperienza di gioco.

Detto questo, giochi come Axie Infinity possono avere un costo di ingresso elevato. Per poter iniziare a giocare, gli utenti devono acquistare tre personaggi animali domestici. In precedenza, la costruzione di una squadra media costava circa 300 dollari, ma da allora i prezzi si sono ridotti di circa un terzo.

Nonostante il calo del prezzo, il costo iniziale rappresenta ancora un’enorme barriera per molti, soprattutto perché la stragrande maggioranza dei giocatori di giochi blockchain proviene attualmente dai Paesi in via di sviluppo. Questo ostacolo ha portato alla nascita di gilde di gioco – piattaforme che consentono ai proprietari di NFT di prestare beni di gioco (NFT) in cambio di una quota dei beni generati – che riducono i notevoli costi iniziali per gli aspiranti partecipanti. La gilda più nota è Yield Guild Games (YGG).

Fonte: Axie Infinity

1. Axie Infinito

Axie Infinity è un videogioco online basato su NFT e sviluppato dallo studio vietnamita Sky Mavis. Su di essa, i giocatori possono raccogliere, allevare, crescere, combattere e persino scambiare creature basate su gettoni, note come “Assi”. Al suo apice, nel novembre 2021, l’azienda avrebbe avuto 2,7 milioni di utenti attivi al giorno.

2. Decentramento e

Creato da Ariel Meilich ed Esteban Ordano, Decentraland è un mondo virtuale che gira su Ethereum. In esso i giocatori possono acquistare appezzamenti di terreno virtuali come NFT utilizzando la criptovaluta MANA. Possono quindi acquistare e vendere i terreni di loro proprietà o affittare tali beni ad altri giocatori della piattaforma.

3. La Sandbox

Il Sandbox è un metaverso virtuale in cui i giocatori possono giocare, costruire, possedere beni e mettere a frutto le loro esperienze virtuali. Fornisce ai suoi utenti gli strumenti per creare i propri giochi ed esperienze in 3D, che possono poi condividere, affittare o vendere in cambio di gettoni. Sandbox utilizza diversi token per garantire un’economia circolare tra i quattro tipi di utenti della piattaforma: giocatori, creatori, curatori e proprietari di terreni. Questi token includono SAND, il token di utilità utilizzato in tutto l’ecosistema di The Sandbox; LAND, una proprietà immobiliare digitale nel metaverso di The Sandbox; e ASSETS, un token creato dai giocatori che creano contenuti generati dagli utenti (UGC).

4. Gioco delle sete

Silks sfrutta un metaverso abilitato dalla blockchain per creare un parallelo digitale del mondo reale delle corse dei cavalli purosangue. Ogni Silks Horse NFT digitale è un derivato di un cavallo da corsa del mondo reale, il che significa che ogni volta che il cavallo da corsa vince una gara o genera una prole nel mondo reale, il proprietario del corrispondente Silks Horse guadagnerà gettoni (STT). Oltre ai cavalli NFT di Silks, gli utenti della piattaforma possono possedere, commerciare e interagire con gli Avatar di Silks, i terreni, le scuderie e un’ampia varietà di altri NFT di gioco. Possono anche guadagnare premi grazie al suo esclusivo meccanismo di puntata.

5. Lame crittografiche

Lanciato sulla BNB Chain e sviluppato da Riveted Games, CryptoBlades è un RPG (gioco di ruolo) P2E basato sul web che ricompensa i giocatori con gettoni SKILL dopo aver sconfitto i nemici e partecipato alle incursioni. I giocatori possono scambiare i loro personaggi e le loro armi in un mercato aperto o scommettere i loro guadagni in gettoni SKILL per ricevere ulteriori gettoni come ricompensa.

I giochi blockchain sono stati responsabili della metà di tutto l’utilizzo della blockchain nel 2021. A partire da febbraio 2022, il La capitalizzazione di mercato di GameFi è salita a 55,38 miliardi di dollari..

È possibile visualizzare le le migliori monete e gettoni di gioco GameFi qui.

Come iniziare con GameFi

1. Creare un portafoglio crittografico

Per effettuare transazioni nel gioco e conservare le valute virtuali e gli NFT raccolti durante il gioco, è necessario un portafoglio di criptovalute. Sono disponibili molti portafogli diversi, come il Crypto.com DeFi Wallet, ma la maggior parte dei giochi richiede l’uso di portafogli specifici. Per sapere quali portafogli supporta, visitate il sito ufficiale del gioco.

2. Collegare il portafoglio al gioco

A differenza dei giochi tradizionali che richiedono un nome utente e una password, i giochi blockchain utilizzano il portafoglio di criptovalute come account. Per evitare le truffe, utilizzate solo portafogli scaricati da app store ufficiali che sono esplicitamente collegati al sito web ufficiale del portafoglio. Inoltre, come ulteriore precauzione di sicurezza, si consiglia di utilizzare un portafoglio diverso per ogni gioco.

3. Aggiungere fondi al portafoglio

È necessario prefinanziare il proprio portafoglio di criptovalute con una criptovaluta compatibile per acquistare gli oggetti iniziali (ad esempio, personaggi o gettoni cripto nativi) necessari per giocare.


Potresti essere interessato anche a:
Che cos’è un portafoglio crittografico? Guida per principianti

Il futuro di GameFi

Con una stima di 3,24 miliardi di giocatori in tutto il mondo, il settore emergente della GameFi offre enormi opportunità di crescita. Solo nel 2021, gli investitori hanno investito oltre 3,6 miliardi di dollari in startup di giochi crittografici, rendendo il 2021 un anno storico per il settore in espansione.

Per molti commentatori del settore, il gioco d’azzardo rappresenta la strada più probabile per l’adozione diffusa della blockchain. Questa opinione è supportata da un rapporto di DappRadar x BGA Games, che ha rilevato che i giochi blockchain hanno attirato 1,22 milioni di portafogli unici attivi (UAW) nel marzo 2022.

Detto questo, la comunità dei giocatori si oppone ai giochi basati sulla blockchain, in particolare quando si tratta di meccaniche di gioco e NFT.

Ostacoli all’adozione diffusa:

  1. Meccaniche di gioco – Attualmente, e in parte a causa del nome, l’attrazione principale dei giochi blockchain potrebbe essere descritta come la creazione di denaro, un fatto che alcuni giocatori tendono ad aborrire. Se il GameFi deve diventare mainstream, è stato suggerito che l’attenzione dovrà spostarsi dal ‘Prima la crittografia, poi il giocomentalità che è attualmente così prevalente, ad una che mette l’esperienza di gioco al primo posto. Se la giocabilità del gioco non è di livello sufficientemente alto da attrarre e trattenere i giocatori senza un incentivo finanziario, allora ha ben poche possibilità di convertire i giocatori tradizionali e di coinvolgere il pubblico al di fuori della criptovaluta.
  1. NFT Una critica comune dei detrattori di GameFi suggerisce che l’incorporazione delle NFT nei giochi sia solo un’altra spudorata presa di denaro. Come già detto, i giocatori sono stati a lungo sottoposti a vari esperimenti di monetizzazione, dai contenuti scaricabili ai loot box randomizzati, tutti con diversi gradi di successo. Dal punto di vista di alcuni giocatori, le NFT sono semplicemente un nuovo modo per gli sviluppatori di vestire le stesse microtransazioni che i giocatori hanno detestato per decenni, senza apportare alcun valore reale al gioco. Si teme inoltre che, oltre a essere costose, queste NFT offrano vantaggi ingiusti nel gioco, riducendo ulteriormente l’intera esperienza di gioco.

Molti appassionati di GameFi attribuiscono questa visione piuttosto negativa a una grossolana incomprensione della tecnologia blockchain e del suo funzionamento. Come per le criptovalute in generale, uno dei maggiori ostacoli all’adozione di massa è la mancanza di comprensione. Per risolvere questo problema e fugare ogni preoccupazione, è fondamentale che gli sviluppatori investano tempo ed energie per migliorare non solo le meccaniche di gioco, ma anche la comprensione e la prospettiva pubblica della tecnologia blockchain e della GameFi.

Secondo una recente ricerca di Crypto.com, Naavik e BITKRAFT Ventures, si stima che il mercato dei giochi blockchain crescerà a un tasso di crescita annuale composto (CAGR) del 100%, passando da 1,5 miliardi di dollari nel 2021 a 50 miliardi di dollari nel 2025. Si tratta di un valore 20 volte superiore al previsto CAGR del 10% per il settore dei giochi tradizionali. Se i giochi blockchain possono fornire ai giocatori lo stesso valore (o divertimento) come i giochi tradizionali, con in più il potenziale di guadagno, allora non c’è davvero limite al potenziale di GameFi.

Qualunque sia la vostra posizione sull’argomento GameFi, non ci sono dubbi: è stato uno dei settori di criptovalute più caldi emersi nel 2021. È un’iniziativa da tenere d’occhio.

Due diligence e ricerca personale

Tutti gli esempi elencati in questo articolo sono solo a scopo informativo. L’utente non deve interpretare tali informazioni o altro materiale come consulenza legale, fiscale, di investimento, finanziaria o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel presente documento costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un’approvazione o un’offerta da parte di Crypto.com di investire, acquistare o vendere NFT o crypto asset. I rendimenti derivanti dall’acquisto e dalla vendita di criptovalute possono essere soggetti a imposte, compresa l’imposta sulle plusvalenze, nella vostra giurisdizione.

Il termine “play-to-earn” si riferisce al concetto generale in cui una piattaforma di gioco fornisce a un partecipante ricompense, come ad esempio beni in-game tokenizzati. La partecipazione a un prodotto play-to-earn non garantisce rendimenti positivi. I prodotti Play-to-earn non sono esenti da rischi e i partecipanti possono incorrere in costi iniziali elevati, che possono essere parzialmente o completamente irrecuperabili.

Le performance passate non sono una garanzia o una previsione di quelle future. Il valore delle criptovalute può aumentare o diminuire e voi potreste perdere tutto o una parte consistente del vostro prezzo di acquisto. Quando valutate un asset crittografico, è essenziale che facciate le vostre ricerche e la vostra due diligence per esprimere il miglior giudizio possibile, poiché ogni acquisto sarà di vostra esclusiva responsabilità.

Tag

GameFi

Gaming

nfts

play-to-earn

Condividi con gli amici

Che aspetti a iniziare la tua avventura crypto?

Ottieni subito la guida dedicata alla configurazione dell'account Crypto.com

Cliccando il pulsante Inizia riconosci di aver letto l'Avviso sulla privacy di Crypto.com dove illustriamo come usiamo e proteggiamo i tuoi dati personali.
Mobile phone screen displaying total balance with Crypto.com App

Common Keywords: 

Ethereum / Dogecoin / Dapp / Tokens