Cosa sono i Big Data e come potrebbero evolversi con il Web3?

I Big Data si riferiscono a vasti e complessi set di dati che modellano le nostre esperienze online. Ecco una guida per capire come vengono utilizzati.

Jan 16, 2024
|

What Is Big Data And How Does It Work With Web3

Punti chiave:

  • Volume, velocità, varietà e veridicità sono gli elementi che definiscono i Big Data, riflettendo le loro dimensioni, la velocità, la diversità e le sfide legate alla qualità dei dati.
  • I Big Data provenienti da fonti online, come la web analytics e i social media, forniscono informazioni preziose, con un impatto sia sull’esperienza dell’utente che sulle decisioni aziendali.
  • L’ampia raccolta di dati degli utenti solleva tuttavia problemi di privacy, rendendo necessarie solide misure di sicurezza e conformità alle normative.
  • La decentralizzazione del Web3 potrebbe ridisegnare la gestione e la proprietà dei Big Data, migliorando la privacy degli utenti e il controllo sull’utilizzo dei dati.

Cosa sono i Big Data?

I Big Data si riferiscono a insiemi di dati estremamente ampi e complessi che non possono essere facilmente gestiti, elaborati o analizzati con gli strumenti tradizionali di elaborazione dati. Il termine ‘Big Data’ comprende non solo le dimensioni dei dati, ma anche la loro velocità, varietà e veridicità.

Le quattro V dei Big Data

Le caratteristiche dei Big Data sono spesso indicate con le “quattro V”:

Volume: i Big Data comportano l’elaborazione di grandi volumi di dati, dell’ordine di petabyte o exabyte, ben oltre la capacità dei database tradizionali.

Velocità: si riferisce alla velocità con cui i dati vengono generati, raccolti ed elaborati. Con l’avvento di tecnologie come l’Internet of Things (IoT) e i flussi di dati in tempo reale, i dati vengono generati a una velocità senza precedenti.

Varietà: i Big Data sono disponibili in diversi formati, tra cui dati strutturati (come i database), dati non strutturati (come testo e immagini) e dati semi-strutturati (come i file XML). La gestione di questa varietà di tipi di dati rappresenta una sfida per l’analisi dei Big Data.

Veridicità: la veridicità si riferisce all’affidabilità e all’accuratezza dei dati. Con i Big Data, spesso c’è un mix di dati affidabili e inaffidabili, e per dare un senso a tutto ciò è necessario considerare attentamente la qualità dei dati.

Oltre alle quattro V, alcune discussioni includono anche caratteristiche aggiuntive come il valore (la capacità di trasformare i dati in valore) e la variabilità (l’incoerenza dei dati).

A cosa servono i Big Data?

L’analisi dei Big Data spesso coinvolge tecniche di analisi avanzate, tra cui l’apprendimento automatico, per estrarre intuizioni e modelli significativi da insiemi di dati vasti e complessi.

Il suo utilizzo è diventato sempre più importante in vari settori, tra cui quello economico, sanitario, finanziario, scientifico e altri ancora, in quanto le organizzazioni cercano di ottenere informazioni preziose, prendendo decisioni informate per migliorare l’efficienza complessiva.

Ad esempio, i Big Data hanno aiutato a prevedere l’arrivo dell’uragano Sandy con cinque giorni di anticipo mentre molti ospedali raccolgono e analizzano i Big Data per migliorare l’assistenza sanitaria.

A cosa servono i Big Data generati online?

Internet è una delle principali fonti delle enormi quantità di dati che rientrano nel concetto di Big Data.

Si stima che un singolo utente con uno smartphone generi circa 40 exabyte di dati ogni mese, attraverso messaggi, email, ricerche su Google, cronologia di navigazione, commenti sui social media, cronologia degli acquisti online e molti altri dati. Attualmente ci sono quasi 7 miliardi di smartphone in tutto il mondo, il che equivale a un numero impressionante di Big Data.

Di seguito sono riportati alcuni modi in cui i servizi di social media, i motori di ricerca e altre piattaforme online utilizzano i dati online:

Web Analytics

I siti web e le piattaforme online generano una grande quantità di dati riguardanti il comportamento, le preferenze e le interazioni degli utenti. Gli strumenti di web analytics raccolgono e analizzano questi dati per fornire informazioni sulle tendenze degli utenti, migliorare l’esperienza degli utenti e supportare le decisioni aziendali.

Social media

Le piattaforme di social media sono una fonte importante di Big Data. La grande quantità di contenuti generati dagli utenti, le interazioni e le metriche di coinvolgimento forniscono informazioni preziose per le aziende, gli esperti di marketing e i ricercatori.

Motori di ricerca

I motori di ricerca elaborano e archiviano enormi quantità di dati relativi alle query di ricerca, al comportamento degli utenti e all’indicizzazione dei contenuti. Questi dati sono fondamentali per migliorare gli algoritmi di ricerca e comprendere le intenzioni degli utenti.

Commercio elettronico

Gli acquisti online generano numerosi dati sulle preferenze dei consumatori, sulla cronologia degli acquisti e modalità di navigazione. I rivenditori utilizzano questi dati per il marketing personalizzato, i sistemi di raccomandazione e la gestione delle scorte.

Servizi di streaming

Le piattaforme che forniscono servizi di streaming di musica, video e altri contenuti generano grandi quantità di dati relativi alle preferenze e alle abitudini di visione degli utenti. Questi dati vengono utilizzati per raccomandare i contenuti e migliorare l’esperienza dell’utente.

Sicurezza informatica

Internet è anche un campo di battaglia per la sicurezza informatica e l’analisi dei Big Data svolge un ruolo cruciale nel rilevare e prevenire le minacce informatiche. L’analisi dei registri di rete, del comportamento degli utenti e dei dati di sistema aiuta a identificare modelli anomali indicativi di incidenti di sicurezza.

Internet funge da vasto ecosistema per la generazione, la trasmissione e l’archiviazione dei Big Data. L’interazione tra Big Data e internet ha trasformato il modo in cui le aziende operano, le persone interagiscono online e le informazioni vengono elaborate e utilizzate in vari ambiti.

Qual è la preoccupazione degli utenti riguardo ai Big Data?

L’impatto dei Big Data su internet può avere implicazioni sia positive che negative per gli utenti e dipende in larga misura dal modo in cui i dati vengono raccolti, gestiti e utilizzati.

Di seguito sono elencati i potenziali svantaggi dei Big Data su internet:

Problemi di privacy

L’ampia raccolta di dati degli utenti, in particolare di informazioni personali, ha sollevato problemi di privacy. Gli utenti possono sentirsi a disagio sapendo che le loro attività, preferenze e comportamenti online vengono tracciati e analizzati.

I quadri normativi (come il GDPR in Europa) e la crescente consapevolezza hanno spinto le aziende a essere più trasparenti sulle pratiche di raccolta dei dati e a fornire agli utenti il controllo sui propri dati. Tuttavia, i problemi di privacy persistono.

Rischi per la sicurezza

I grandi volumi di dati memorizzati ed elaborati rappresentano un obiettivo interessante per i criminali informatici. Le violazioni dei dati possono portare all’esposizione di informazioni sensibili, causando danni alle persone.

Le organizzazioni stanno investendo in misure di sicurezza informatica per proteggersi dalle violazioni dei dati. La crittografia, l’autenticazione a più fattori e i regolari controlli di sicurezza sono tra le strategie utilizzate per migliorare la sicurezza dei dati.

Pregiudizio algoritmico

Le analisi dei Big Data spesso si basano su algoritmi per fare previsioni e prendere decisioni. Se i dati utilizzati per l’addestramento di questi algoritmi sono distorti, possono portare a risultati discriminatori.

Si stanno compiendo sforzi per affrontare i pregiudizi algoritmici attraverso il miglioramento della qualità dei dati, la trasparenza nel processo decisionale algoritmico e il monitoraggio continuo per identificare e correggere i pregiudizi.

Manipolazione e profilazione degli utenti

I Big Data vengono talvolta utilizzati per creare profili dettagliati degli utenti, consentendo pubblicità mirata e contenuti personalizzati. Se da un lato questo può migliorare l’esperienza dell’utente, dall’altro può portare a manipolazioni e bolle di filtraggio, in cui gli utenti sono esposti solo a informazioni che si allineano con le loro opinioni esistenti.

Una maggiore trasparenza nell’utilizzo dei dati, meccanismi di consenso degli utenti e linee guida etiche possono contribuire a mitigare i rischi di manipolazione e profilazione degli utenti.

Mancanza di comprensione

Molti utenti potrebbero non comprendere appieno come vengono raccolti, elaborati e utilizzati i loro dati. Questa mancanza di consapevolezza può contribuire a una sensazione di perdita di controllo sulle informazioni personali.

Un’efficace comunicazione e formazione sulle pratiche relative ai dati possono dare agli utenti la capacità di prendere decisioni informate riguardo alle loro attività online e ai dati che condividono.

Come il Web3 cambierà i Big Data?

Il Web3 si riferisce a una visione della prossima generazione del World Wide Web, spesso associata alle tecnologie decentralizzate e alla blockchain. Sebbene il concetto di Web3 sia ancora in evoluzione, si prevede che avrà diverse implicazioni per i Big Data:

Decentralizzazione

Le tecnologie decentralizzate, come la blockchain e le criptovalute, caratterizzano il Web3 e potrebbero avere un impatto sulle modalità di archiviazione, condivisione e accesso ai dati, allontanandosi dai server centrali e passando a reti distribuite e alla proprietà dei dati da parte di pochi (si pensi a Google e Facebook), come nel Web2.

Questo potrebbe cambiare il modo in cui vengono gestiti i Big Data. Invece di affidarsi a database centralizzati, i dati potrebbero essere distribuiti su una rete di nodi, garantendo maggiore sicurezza e trasparenza agli utenti.

Proprietà dei dati e privacy

Il Web3 mira a fornire agli utenti un maggiore controllo sui propri dati e identità digitali, consentendo loro di possedere e gestire in modo più completo i dati che generano.

Poiché gli utenti acquisiscono un maggiore controllo sui propri dati, potrebbero verificarsi cambiamenti nelle modalità di raccolta, archiviazione e utilizzo dei dati da parte delle organizzazioni. Il miglioramento delle misure sulla privacy dei dati potrebbe influenzare i tipi e le quantità di dati disponibili per l’analisi dei Big Data.

Smart contract e automazione

Gli smart contract, abilitati dalla tecnologia blockchain, consentono l’esecuzione di contratti autonomi con i termini dell’accordo scritti direttamente nel codice. Ciò potrebbe automatizzare alcuni processi e transazioni.

Tutto ciò potrebbe anche snellire le transazioni di dati, ridurre l’intervento manuale e migliorare l’efficienza dei processi nel contesto dell’analisi dei Big Data.

Interoperabilità

Il Web3 prevede una maggiore interoperabilità tra piattaforme e servizi diversi, favorendo un ambiente digitale più connesso e collaborativo.

Una migliore interoperabilità può facilitare l’integrazione di diversi set di dati provenienti da varie fonti, contribuendo a un approccio più completo e olistico all’analisi dei Big Data.

È importante notare che lo sviluppo e l’adozione delle tecnologie Web3 sono in corso, e il loro pieno impatto sui Big Data diventerà più chiaro con la maturazione e una diffusa adozione di queste tecnologie.

Conclusioni

È essenziale riconoscere che, sebbene possano esistere potenziali aspetti negativi, i Big Data portano anche vantaggi significativi, come il miglioramento dei servizi, la personalizzazione delle raccomandazioni e progressi in campi come la sanità e la ricerca.

Il movimento Web3 sostiene la protezione della privacy e dei dati personali degli utenti, criticando l’utilizzo corrente dei Big Data nell’era del Web2. Trovare un equilibrio tra sfruttare i vantaggi dei Big Data e affrontare le loro sfide è cruciale per creare un ambiente positivo ed etico per gli utenti di internet. Misure normative, best practice del settore e consapevolezza degli utenti giocano un ruolo fondamentale nel plasmare l’impatto dei Big Data su internet.

Svolgi la due diligence e conduci le tue ricerche

Tutti gli esempi menzionati in questo articolo hanno unicamente scopo informativo. Non dovresti interpretare queste informazioni o qualsiasi altra parte del contenuto come consulenza legale, fiscale, finanziaria, di investimento, sulla sicurezza informatica o di qualsiasi altro tipo. Niente di quanto contenuto in questo documento costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un’approvazione o un’offerta da parte di Crypto.com per investire, acquistare o vendere criptovalute, token o altri asset crypto. I rendimenti derivanti dall’acquisto e dalla vendita di criptovalute potrebbero essere soggetti a imposte, tra cui l’imposta sulle plusvalenze, del tuo Paese. Qualsiasi descrizione dei prodotti o delle funzionalità di Crypto.com ha unicamente scopo illustrativo e non costituisce un’approvazione, un invito o una sollecitazione.

Le prestazioni passate non costituiscono una garanzia né un indicatore delle prestazioni future. Il valore delle criptovalute può aumentare o diminuire, e c’è il rischio di perdere l’intero importo o una parte significativa dell’importo di acquisto. Quando valuti un asset crypto, è fondamentale condurre ricerche approfondite e svolgere la dovuta diligenza al fine di prendere la decisione migliore possibile, poiché ogni acquisto sarà di tua piena responsabilità.

Tag

security

Web3

Condividi con gli amici

Che aspetti a iniziare la tua avventura crypto?

Ottieni subito la guida dedicata alla configurazione dell'account Crypto.com

Cliccando il pulsante Inizia riconosci di aver letto l'Avviso sulla privacy di Crypto.com dove illustriamo come usiamo e proteggiamo i tuoi dati personali.
Mobile phone screen displaying total balance with Crypto.com App

Common Keywords: 

Ethereum / Dogecoin / Dapp / Tokens