La storia del denaro, parte 1 – Dal baratto alla moneta

Una breve lezione di storia su come la società si è evoluta dal baratto alla moneta – e conoscenze fondamentali per comprendere l’evoluzione dell’umanità verso la DeFi.

Feb 05, 2024
|

Punti di forza:

  • Per capire come sono nate le criptovalute, è essenziale approfondire l’evoluzione del denaro nel corso della storia.
  • Il baratto è la forma originale di commercio, in cui beni e servizi vengono scambiati direttamente senza un mezzo di scambio.
  • I beni di grande utilità e affidabilità, come il bestiame e i prodotti vegetali, sono stati le prime forme di denaro.
  • Un mezzo di scambio ideale deve possedere qualità come l’accettabilità, la portabilità, la durata, l’uniformità, la divisibilità, la scarsità, la riconoscibilità e la stabilità del valore.
  • Le banconote moderne si basano su un consenso sociale e legale per il loro valore.

Introduzione

Per comprendere la nascita del Bitcoin e il funzionamento del mercato delle criptovalute è necessario conoscere la storia del denaro. Perché gli esseri umani sono passati dal baratto al denaro-merce? Che cos’è il gold standard e come siamo arrivati al fiat e, infine, alle criptovalute? Questa serie in due parti esplora le origini del denaro e racconta la storia fino all’arrivo della moneta moderna, base del nostro attuale sistema finanziario.

La storia del denaro - Dal baratto alla moneta

Una mucca per il mais: Denaro e baratto preistorici

Il baratto è considerato la forma originale di commercio. In questo sistema, i partecipanti scambiano direttamente beni o servizi con altri beni o servizi senza utilizzare un mezzo di scambio, come il denaro.

Il baratto non è scalabile.

Quando un’economia cresce, gli individui si specializzano nella produzione di determinati beni e diventa più difficile trovare controparti per gli scambi diretti. L’unico modo per ovviare a questo problema è lo scambio indiretto; in altre parole, un mezzo di scambio.

Durante la rivoluzione neolitica, la società umana è passata dalla caccia all’agricoltura. Il boom demografico stimolò il commercio e la necessità di un mezzo di scambio. Le materie prime con maggiore riutilizzabilità e liquidità sono diventate gli oggetti più adatti al commercio. Nelle società agricole, merci come il bestiame e i prodotti vegetali si sono distinte come mediane ideali del commercio.

Tuttavia, il bestiame e i prodotti vegetali sono deficitari in quanto sostitutivi del denaro.

In primo luogo, i prodotti agricoli sono deperibili. La frutta, ad esempio, può essere conservata solo per un mese. In secondo luogo, non sono divisibili. È impossibile dividere il bestiame, ad esempio; ma un capo di bestiame è prezioso e potrebbe essere scambiato con più oggetti.

Di conseguenza, gli esseri umani hanno gradualmente adottato mezzi più durevoli e divisibili per il denaro, tra cui, ma non solo, conchiglie marine, pietre lavorate e sali.

Cosa rende un mezzo ideale per il commercio?

Gli economisti moderni hanno proposto le seguenti qualità ideali per i mezzi di scambio:

  • Accettabilità: Ampiamente accettabile per la liquidità
  • Portabilità: Facile da trasportare
  • Durata: In grado di resistere all’usura
  • Uniformità: ha una forma intercambiabile.
  • Divisibilità: Divisibile in tagli più piccoli
  • Scarsità: Scarsità, e l’offerta non può essere facilmente gonfiata.
  • Riconoscibilità: Facilmente distinguibile
  • Valore stabile : Valore stabile per le transazioni giornaliere

Confrontiamo i primi esempi in base ai criteri sopra indicati:

1000 a.C.: fa la sua comparsa la moneta standardizzata

La prima forma di moneta metallica fu creata intorno al 1000 a.C. in Cina, durante la dinastia Zhou. Si presentava sotto forma di piccoli coltelli e vanghe di bronzo. Le prime monete prodotte da un governo sembrano essere apparse separatamente in India, Cina e nelle città del Mar Egeo durante il VII secolo a.C..

Il metallo offre molte proprietà ideali rispetto ad altri mezzi di scambio, come i prodotti agricoli o le conchiglie marine. Il processo di coniazione richiede una manodopera altamente qualificata, che rende le monete di metallo più scarse e quindi più adatte a svolgere la funzione di denaro.

Le prime monete del mondo occidentale sono principalmente associate all’Anatolia dell’Età del Ferro della fine del VII secolo a.C. e al Regno di Lidia. Durante il periodo ellenistico, la cultura greca si diffuse in gran parte del mondo conosciuto. Con essa, i commercianti diffusero le monete greche dall’Europa al Medio Oriente.

Nel periodo classico la monetazione greca raggiunse un alto livello di qualità tecnica ed estetica. Le città più grandi producevano una serie di monete d’argento e d’oro, solitamente con il ritratto del dio o della dea protettrice su un lato e il simbolo della città sull’altro. Cominciano a comparire anche iscrizioni, che tipicamente riportano il nome della città.

Banconote: Più leggere da trasportare

Durante la dinastia Tang (618-907 d.C.), i mercanti e i grossisti cinesi volevano evitare il grosso delle monete di rame nelle grandi transazioni commerciali. Hanno avuto la brillante idea di emettere note di credito, in cui una parte prometteva di pagare un’altra entro un determinato periodo di tempo.

La cartamoneta fu introdotta durante la dinastia Song (960-1279 d.C.) e utilizzata insieme alle monete. Il governo si accorse ben presto dei vantaggi economici della stampa di cartamoneta e rilasciò a negozi di deposito selezionati i diritti di monopolio per l’emissione di questi certificati di deposito. All’inizio delXII secolo, il numero di banconote emesse in un solo anno ammontava a un tasso annuo di 26 milioni di stringhe di monete in contanti.

NelXIII secolo, la cartamoneta divenne nota in Europa grazie ai resoconti di viaggiatori come Marco Polo e Guglielmo di Rubruck. L’uso della cartamoneta durante la dinastia Yuan è stato oggetto di un capitolo de I viaggi di Marco Polo intitolato “Come il Grande Kaan fa passare per denaro in tutto il suo Paese la corteccia degli alberi, trasformata in qualcosa di simile alla carta”.

Nell’Italia medievale e nelle Fiandre, i commercianti di denaro iniziarono a utilizzare le cambiali a causa dell’insicurezza e dell’impraticabilità del trasporto di grandi somme di denaro su lunghe distanze. Inizialmente le banconote erano registrate personalmente, ma presto divennero un ordine scritto di pagare l’importo a chiunque ne fosse in possesso. Queste banconote possono essere considerate come un predecessore delle banconote normali.

Cosa rende preziose le banconote?

La validità della banconota moderna si basa sul consenso sociale e legale.

Il valore di una moneta d’oro è semplicemente il riflesso del meccanismo di domanda e offerta di una società che scambia beni in un mercato libero, anziché derivare da una proprietà intrinseca del metallo. Alla fine delXVII secolo, questa nuova prospettiva concettuale portò all’emissione di banconote. L’economista Nicholas Barbon ha scritto che il denaro “era un valore immaginario creato da una legge per la comodità dello scambio”.

La prima banca ad avviare l’emissione permanente di banconote fu la Banca d’Inghilterra. Fondata nel 1694 per raccogliere denaro per finanziare la guerra contro la Francia, la banca iniziò a emettere banconote nel 1695 con la promessa di pagare al portatore il valore della banconota su richiesta. Inizialmente erano scritte a mano con un importo preciso e venivano date in deposito o in prestito. Si passò gradualmente all’emissione di banconote a taglio fisso e, nel 1745, vennero stampate banconote standardizzate da 20 a 1.000 sterline. Le banconote completamente stampate che non richiedono il nome del beneficiario e la firma del cassiere apparvero per la prima volta nel 1855.

Dal baratto al Bitcoin

La prossima fase dell’evoluzione del denaro prevede l’ascesa della moneta a corso fisso con valore in oro e l’emergere delle criptovalute. Scoprite gli eventi che hanno determinato questa transizione e altro ancora nella seconda parte della nostra serie sulla storia del denaro.

Due diligence e ricerca personale

Tutti gli esempi elencati in questo articolo sono solo a scopo informativo. L’utente non deve interpretare tali informazioni o altro materiale come consulenza legale, fiscale, di investimento, finanziaria o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel presente documento costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un’approvazione o un’offerta da parte di Crypto.com di investire, acquistare o vendere qualsiasi asset crittografico. I rendimenti derivanti dall’acquisto e dalla vendita di criptovalute possono essere soggetti a imposte, compresa l’imposta sulle plusvalenze, nella vostra giurisdizione. Le descrizioni dei prodotti o delle caratteristiche di Crypto.com hanno uno scopo puramente illustrativo e non costituiscono un’approvazione, un invito o una sollecitazione.

Inoltre, il Crypto.com Exchange e i prodotti qui descritti sono distinti dalla Crypto.com Main App, e la disponibilità di prodotti e servizi sul Crypto.com Exchange è soggetta a limiti giurisdizionali. Prima di accedere al Crypto.com Exchange, si prega di consultare il seguente link e di assicurarsi di non trovarsi in giurisdizioni con restrizioni geografiche per lo Spot Trading.

Le performance passate non sono una garanzia o una previsione di quelle future. Il valore degli asset digitali può aumentare o diminuire e voi potreste perdere tutto o una parte consistente del prezzo di acquisto. Quando valutate un bene digitale, è essenziale che facciate le vostre ricerche e la vostra due diligence per giudicare al meglio, poiché ogni acquisto sarà di vostra esclusiva responsabilità.

Tag

Money

Condividi con gli amici

Che aspetti a iniziare la tua avventura crypto?

Ottieni subito la guida dedicata alla configurazione dell'account Crypto.com

Cliccando il pulsante Inizia riconosci di aver letto l'Avviso sulla privacy di Crypto.com dove illustriamo come usiamo e proteggiamo i tuoi dati personali.
Mobile phone screen displaying total balance with Crypto.com App

Common Keywords: 

Ethereum / Dogecoin / Dapp / Tokens