Guida introduttiva alla criptotassa e a chi la deve pagare

Che cos’è la criptotassa? Chi deve pagare e come? Scoprite i dettagli di Crypto.com Tax per presentare le dichiarazioni e ottenere una panoramica delle norme fiscali per Stati Uniti, Canada, Regno Unito e Australia.

Mar 03, 2023
|

Come criptotassare il logo Otp

La criptotassa si riferisce alla tassazione delle transazioni in criptovaluta, come l’acquisto, la vendita, la ricezione o lo scambio di criptovalute come Bitcoin, Ethereum o altri beni digitali. Le norme e i regolamenti in materia di tassazione variano da Paese a Paese, ma in generale le attività in criptovaluta sono trattate come proprietà ai fini fiscali e sono soggette all’imposta sulle plusvalenze quando vengono vendute o scambiate con un profitto.

Punti di forza:

  • In molti Paesi, le criptovalute sono considerate beni immobili ai fini fiscali; di conseguenza, le plusvalenze derivanti dalla vendita o dalla negoziazione di criptovalute possono essere tassate.
  • L’imposta sulle criptovalute può variare a seconda del Paese di residenza.
  • Qui di seguito trovate una guida in 5 passi per la riscossione delle imposte sulle criptovalute.
  • Scoprite come lo strumento fiscale di Crypto.com può aiutarvi in quella che spesso è la parte più difficile: il calcolo delle imposte.
  • Sono incluse guide fiscali per Stati Uniti, Canada, Regno Unito e Australia.

Chi deve pagare l’imposta sulle criptovalute?

L’obbligo di pagare le tasse sulle transazioni in criptovaluta dipende dalle leggi e dai regolamenti del Paese o dei Paesi applicabili all’utente. In molti Paesi, le criptovalute sono considerate beni immobili ai fini fiscali e le plusvalenze derivanti dalla vendita o dalla negoziazione di criptovalute possono essere tassate.

Le leggi fiscali possono cambiare rapidamente ed è importante che gli utenti si informino sulle leggi e i regolamenti specifici della loro giurisdizione per determinare se e in che modo sono tenuti a pagare le tasse sulle loro transazioni di criptovaluta. È anche una buona idea consultare un professionista fiscale per avere una consulenza personalizzata.

Come calcolare l’imposta sulle criptovalute in 5 passi:

La procedura per il pagamento dell’imposta sulle criptovalute varia da Paese a Paese, ma in genere comporta la segnalazione delle transazioni in criptovaluta imponibili sulla dichiarazione dei redditi come guadagno o reddito da capitale. Ciò dipende dal tipo di transazione e dalla giurisdizione.

Ecco uno schema generale delle fasi di pagamento della criptoimposta:

  1. Raccogliere i documenti: Tenete un registro dettagliato di tutte le transazioni in criptovaluta, con la data, il tipo di transazione e la base di costo (il valore originale dell’attività).
  1. Determinare gli eventi imponibili: Esaminare tutte le transazioni per determinare quali sono imponibili. Nella maggior parte dei casi, la vendita o lo scambio di criptovalute con valuta fiat, beni e servizi o altre criptovalute è considerato un evento imponibile.
  1. Calcolo di redditi, plusvalenze e perdite: Per ogni evento imponibile, l’utente deve annotare se ha ricevuto attività come reddito o plusvalenza. Calcolare le eventuali plusvalenze sottraendo la base di costo dal ricavato della vendita. Calcolate anche le perdite in conto capitale sottraendo il prezzo di acquisto dal prezzo di vendita.
  1. Riportare il reddito o i guadagni sulla dichiarazione dei redditi: Riportare i guadagni o i proventi delle transazioni in criptovaluta nella dichiarazione dei redditi, di solito nella sezione dedicata al reddito o alle plusvalenze e minusvalenze. A seconda della giurisdizione di appartenenza, gli utenti potrebbero dover compilare ulteriori moduli o prospetti fiscali per segnalare le transazioni in criptovaluta.
  1. Pagare le imposte dovute: Se un utente deve pagare le tasse sulla propria criptovaluta, dovrà versare l’importo dovuto alle autorità fiscali della propria giurisdizione.

Oppure, fatelo fare a Crypto.com Tax – Gratis

Lo strumento Crypto.com Tax aiuta a calcolare e a dichiarare le imposte sulle criptovalute. Crypto.com Tax è gratuito per tutti coloro che, nelle giurisdizioni supportate, hanno bisogno di preparare le tasse sulle criptovalute. Indipendentemente dal numero di transazioni effettuate in un determinato anno fiscale, lo strumento fiscale di Crypto.com calcolerà il rapporto fiscale senza alcun costo.

Fare clic per vedere tutti gli scambi e i portafogli supportati.

Ecco come usare le tasse di Crypto.com:

  1. Iscriviti per un conto Crypto.com. Per gli utenti che ne hanno già uno, effettuare l’accesso.
  1. Selezionare la giurisdizione e l’anno fiscale da calcolare.
  1. Collegare tutti i conti di scambio di criptovalute a Crypto.com Tax. Ciò consente allo strumento di accedere alla cronologia delle transazioni e di calcolare le plusvalenze e le minusvalenze.
  1. Esaminare e confermare la cronologia delle transazioni importate dai conti di scambio collegati.
  1. Utilizzate lo strumento per calcolare le plusvalenze e le minusvalenze. Lo strumento tiene conto della base di costo, del periodo di detenzione e di qualsiasi altra informazione fiscale rilevante per calcolare le imposte dovute.
  1. Generare un report delle plusvalenze e delle minusvalenze da utilizzare per la dichiarazione dei redditi.
  1. Se necessario, apportare le modifiche alla cronologia delle transazioni nello strumento.
  1. Scaricate e salvate una copia del rapporto per la conservazione dei dati.

L’interfaccia è semplice e intuitiva, con l’obiettivo di creare la migliore esperienza d’uso quando si tratta di questioni fiscali. Tutti i risultati sono trasparenti per la revisione prima di generare i risultati finali.

Per la compilazione finale, gli utenti possono generare 5 tipi di rapporti con Crypto.com Tax:

1. Guadagni/perdite in conto capitale – file CSV che include il numero di proventi, la base di costo, le spese di vendita e i guadagni/perdite in conto capitale.

2. Cronologia delle transazioni – file CSV per conservare libri e registri

3. Rapporto sulle entrate – per tenere traccia delle criptovalute ricevute da un utente.

4. Rapporto su doni, donazioni e pagamenti – per tenere traccia di tutte le criptovalute inviate.

5. Rapporto sulle spese – per tenere traccia di particolari spese (ad esempio, le spese per il gas derivanti da transazioni non andate a buon fine).

Per gli utenti degli Stati Uniti, Crypto.com Tax genera anche moduli specifici e file CSV:

1. Modulo 8949

2. Programma D

3. File CSV di TurboTax online

4. File CSV della legge fiscale

Guide alla criptotassa per Paese

Di seguito sono riportate le guide ai singoli Paesi di alcune delle più grandi comunità di criptovalute del mondo, con le aliquote fiscali attuali (al momento della stesura del presente documento).

Tuttavia, è importante tenere presente che queste guide forniscono solo una panoramica generale; le leggi fiscali che circondano le criptovalute possono essere complesse e sono soggette a cambiamenti, quindi gli utenti dovrebbero consultare un professionista fiscale per determinare l’importo esatto delle tasse che dovranno pagare nella loro giurisdizione.

A quanto ammontano le tasse sulle criptovalute negli Stati Uniti?

Negli Stati Uniti, le criptovalute possono essere soggette all’imposta sul reddito o sulle plusvalenze, oppure quando vengono vendute o scambiate con un profitto. L’importo dell’imposta sulle criptovalute da pagare negli Stati Uniti dipende da diversi fattori, tra cui l’aliquota fiscale marginale dell’utente e i tipi di transazioni effettuate.

Infografiche sulla criptotassa 01
Fonte: IRS

Imposta sulle plusvalenze

Ogni volta che si cede una criptovaluta negli Stati Uniti, si applica un’imposta sulle plusvalenze. Si tratta di vendere, scambiare o acquistare beni e servizi con le criptovalute. L’imposta deve essere pagata solo sui guadagni realizzati dall’acquisto della criptovaluta. L’aliquota fiscale esatta dipende dalla fascia di reddito dell’utente, che varia dal 10% al 37% per le plusvalenze a breve termine, ossia quelle detenute per meno di un anno.

Le plusvalenze a lungo termine (guadagni derivanti dalla vendita di una criptovaluta detenuta per più di un anno) sono tassate con aliquote ridotte dello 0%, del 15% o del 20%, a seconda del reddito dell’utente.

Infine, gli utenti possono anche compensare i loro guadagni in criptovalute con le loro perdite. Attenzione, però, perché le criptovalute perse o rubate non sono riconosciute come perdite dall’Internal Revenue Service (IRS).

Imposta sul reddito

I pagamenti in criptovalute, le gocce d’aria ricevute, le ricompense per lo staking, le ricompense per gli interessi della DeFi, le ricompense per il mining e persino i bonus di referral rientrano tutti nell’imposta sul reddito negli Stati Uniti.

Per questo, gli utenti pagheranno la loro aliquota fiscale federale, più potenzialmente la loro aliquota fiscale statale.

Visitate la nostra guida approfondita sulle imposte sulle criptovalute negli Stati Uniti.

Quanto costa l’imposta sulle criptovalute in Canada?

In Canada, le criptovalute sono considerate un bene imponibile e possono essere soggette all’imposta sul reddito e sulle plusvalenze. L’ammontare delle imposte che un utente deve pagare sulle transazioni di criptovalute in Canada dipende da diversi fattori, tra cui l’aliquota fiscale marginale dell’utente, il fatto che i guadagni siano per motivi personali o commerciali e il tipo di transazione effettuata.

Infografica sulla criptotassa 02
Fonte: Canada.ca

Imposta sulle plusvalenze

In Canada, solo il 50% dei guadagni personali derivanti da transazioni in criptovaluta è tassato. Ad esempio, se una persona acquista 10.000 dollari australiani in BTC ma successivamente li vende a 14.000 dollari australiani, solo la metà del guadagno di 4.000 dollari australiani viene tassata.

La vendita, il commercio, il regalo e l’acquisto di beni e servizi con criptovalute, o qualsiasi altra disposizione di criptovalute, sono considerati eventi tassabili in Canada.

Alcune transazioni di criptovalute sono esenti da imposte, come l’acquisto di criptovalute o lo spostamento tra portafogli personali. Per un riepilogo si veda la tabella precedente.

Imposta sul reddito

Le transazioni di criptovalute potrebbero essere tassate come reddito se mostrano segni di transazioni commerciali (ad esempio, un utente promuove un prodotto o un servizio o effettua una transazione per motivi commerciali). Anche il mining e lo staking di criptovalute sono solitamente considerati redditi d’impresa. In questo caso, il 100% del reddito da criptovaluta è tassato.

Le aliquote fiscali federali in Canada vanno dal 15% al 33% e possono essere ancora più alte per i residenti di alcune province, che pagano anche un’imposta provinciale.

Visitate la nostra guida approfondita sulle imposte canadesi sulle criptovalute.

A quanto ammontano le tasse sulle criptovalute nel Regno Unito?

Ai fini fiscali del Regno Unito, le criptovalute possono essere tassate come plusvalenze e/o redditi. Le plusvalenze derivanti dalle transazioni in criptovaluta vengono aggiunte alle altre plusvalenze dell’utente e tassate in base all’aliquota fiscale marginale. Allo stesso modo, le criptovalute ricevute come reddito saranno aggiunte al reddito imponibile dell’utente e tassate in base all’aliquota fiscale marginale.

L’ammontare delle imposte che un utente dovrà pagare sulle transazioni di criptovalute nel Regno Unito dipende da diversi fattori, tra cui l’aliquota fiscale marginale dell’utente e il tipo di transazione effettuata.

Infografica sulla criptotassa 03
Fonte: Gov.UK Gov.UK

Imposta sulle plusvalenze

La vendita, il commercio, l’acquisto di beni e servizi e la donazione di criptovalute sono tutti eventi imponibili che possono essere soggetti all’imposta sulle plusvalenze nel Regno Unito.

La buona notizia: I contribuenti britannici hanno una generosa franchigia fiscale di 12.300 sterline per le plusvalenze, che si applica anche alle attività in criptovalute. Per tutto ciò che è superiore, l’utente è tassato con un’aliquota del 10% o del 20%, a seconda della sua fascia fiscale.

Tuttavia, non tutte le transazioni in criptovaluta sono imponibili. Ad esempio, l’acquisto di criptovalute con moneta fiat, la detenzione di criptovalute, il trasferimento tra portafogli personali, la donazione di criptovalute in beneficenza o il regalo a un coniuge sono tutti eventi esenti da imposte.

Gli utenti possono anche compensare le perdite di criptovalute con i guadagni – ma attenzione, perché le criptovalute perse o rubate non sono considerate una perdita e devono essere presentate come richiesta di risarcimento per valore trascurabile.

Imposta sul reddito

Per le criptovalute tassate come reddito, l’utente pagherà tra il 20% e il 45% di tasse. Questo include qualsiasi reddito pagato in criptovalute, nonché dal mining, dallo staking e dagli airdrop.

La legge non è ancora chiara per quanto riguarda le transazioni DeFi, come i redditi da yield farming e i pool di liquidità. Sebbene queste transazioni siano soggette a imposte, non è del tutto chiaro se si tratti di imposte sulle plusvalenze o sul reddito.

La franchigia fiscale può essere applicata anche all’imposta sul reddito e, a seconda delle circostanze, le prime 12.570 sterline del reddito possono essere esenti da imposte.

Visitate la nostra guida approfondita sulle imposte sulle criptovalute nel Regno Unito.

Quanto costa l’ imposta sulle criptovalute in Australia?

In Australia, le criptovalute sono considerate un bene imponibile e sono soggette all’imposta sulle plusvalenze e/o all’imposta sul reddito. L’ammontare delle imposte che un utente dovrà pagare sulle transazioni in criptovaluta in Australia dipende da diversi fattori, tra cui l’aliquota fiscale marginale dell’utente e il tipo di transazione effettuata.

Infografiche sulla criptotassa 04
Fonte: ATO.gov.au

Imposta sulle plusvalenze

Vendere cripto per fiat, scambiare cripto per cripto, spendere cripto per beni e servizi e regalare cripto sono tutti eventi tassabili in Australia.

Le plusvalenze, comprese quelle realizzate con le criptovalute, vengono aggiunte al reddito dell’utente per calcolare la sua fascia fiscale. Sebbene le plusvalenze siano distinte dal reddito, sono tassate alla stessa percentuale dello scaglione di reddito dell’utente. Tuttavia, se detengono un’attività come le criptovalute per almeno un anno, riceveranno uno sconto del 50% sulle plusvalenze imponibili per quell’attività.

Imposta sul reddito

I guadagni in criptovaluta che si qualificano come reddito sono tassati in base all’aliquota dell’imposta sul reddito dell’utente. Le aliquote dell’imposta sul reddito in Australia vanno dal 19% al 45%, a partire dai guadagni superiori alla soglia minima di 18.201 dollari australiani.

Visitate la nostra guida approfondita sulle tasse australiane sulle criptovalute.

Due diligence e ricerca personale

Tutti gli esempi elencati in questo articolo sono solo a scopo informativo. Tenete presente che questo articolo e lo strumento fiscale di Crypto.com non devono sostituire la consultazione di un professionista fiscale. L’utente riconosce e accetta che Crypto.com non ha fornito alcuna consulenza fiscale, che l’utente si affiderà al proprio consulente fiscale per quanto riguarda i propri obblighi fiscali e che Crypto.com non ha rilasciato alcuna dichiarazione o garanzia circa l’accuratezza, la completezza o l’applicabilità delle informazioni contenute in questo articolo.

Le informazioni o il materiale contenuto in questo articolo non devono essere interpretati come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari, di sicurezza informatica o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel presente documento costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un’approvazione o un’offerta da parte di Crypto.com di investire, acquistare o vendere monete, token o altri asset crittografici. I rendimenti derivanti dall’acquisto e dalla vendita di criptovalute possono essere soggetti a imposte, comprese le imposte sulle plusvalenze e/o sul reddito, nella vostra giurisdizione o nelle giurisdizioni in cui siete residenti a fini fiscali. Le descrizioni dei prodotti o delle caratteristiche di Crypto.com hanno uno scopo puramente illustrativo e non costituiscono un’approvazione, un invito o una sollecitazione.

Le performance passate non sono una garanzia o una previsione di quelle future. Il valore delle criptovalute può aumentare o diminuire e voi potreste perdere tutto o una parte consistente del vostro prezzo di acquisto. Quando valutate un asset crittografico, è essenziale che facciate le vostre ricerche e la vostra due diligence per esprimere il miglior giudizio possibile, poiché ogni acquisto sarà di vostra esclusiva responsabilità.

Tag

crypto tax

Crypto101

trading

Condividi con gli amici

Che aspetti a iniziare la tua avventura crypto?

Ottieni subito la guida dedicata alla configurazione dell'account Crypto.com

Cliccando il pulsante Inizia riconosci di aver letto l'Avviso sulla privacy di Crypto.com dove illustriamo come usiamo e proteggiamo i tuoi dati personali.
Mobile phone screen displaying total balance with Crypto.com App

Common Keywords: 

Ethereum / Dogecoin / Dapp / Tokens