Toro e mercato orso: Qual è la differenza?

Una guida per principianti per capire le differenze tra un mercato toro e uno orso, gli indicatori per queste fasi di mercato e cosa fare in ciascuna di esse.

Jul 20, 2022
|

Orso Vs Toro 1200

Probabilmente avrete sentito i termini “toro” e “orso” nelle conversazioni sui mercati delle criptovalute e delle azioni. Ma cosa significano esattamente, perché si chiamano così e come si deve agire in ciascuna di queste fasi di mercato? Continuate a leggere per avere le risposte.

Definizioni di mercato toro e orso

  • Mercato toro: Un mercato in cui i prezzi delle attività sono in aumento o si prevede che aumenteranno grazie a solidi fondamentali economici e a un ciclo economico espansivo.
  • Mercato orso: Un mercato in cui i prezzi delle attività sono diminuiti del 20% o più, con l’aspettativa di un indebolimento dei fondamentali economici e di un ciclo economico in contrazione.

Che cos’è un mercato toro?

Nella finanza tradizionale (TradFi), si ritiene che il termine “mercato dei tori” abbia origine dallo stile di combattimento di un toro che spinge le corna verso l’alto. Da allora gli investitori hanno utilizzato questo termine per descrivere il sentimento generale del mercato che presenta un modello simile: una traiettoria dei prezzi in salita.

Per definizione, un mercato toro è la condizione di un mercato finanziario in cui i prezzi delle attività sono in aumento o si prevede che aumenteranno. Le condizioni macroeconomiche favorevoli o gli alti livelli di occupazione, che danno fiducia agli investitori nei mercati, sono di supporto.

Cosa provoca un mercato toro?

Il fattore trainante di un mercato toro è la crescita dell’economia, come l’aumento del prodotto interno lordo (PIL) di un paese, l’aumento del tasso di occupazione o i bassi tassi di interesse.

Tuttavia, oltre a queste metriche quantificabili, anche il sentiment del mercato – la percezione complessiva del mercato finanziario – ha un enorme impatto sulla psicologia degli investitori in determinate condizioni di mercato.

Il ciclo del mercato toro è piuttosto semplice nel quadro generale: Quando queste metriche sembrano favorevoli, gli investitori sono portati a comprare. Quando un maggior numero di investitori richiede questi beni finiti, i prezzi aumentano.

Indicatori del mercato toro:

  • Un PIL forte
  • Alti tassi di occupazione
  • Forte domanda di beni
  • Sentimento di mercato positivo
  • Interesse generale per le criptovalute nei media tradizionali

Esempi

Da CoinDesk.

Le criptovalute con le due maggiori quote di mercato sono Bitcoin ed Ethereum. Spesso sono visti come indicatori del mercato delle criptovalute nel suo complesso.


Nel gennaio 2017, il mercato toro del Bitcoin ha preso il via con un breakout dai precedenti massimi storici di circa 900 dollari. Non appena questo livello è stato superato, la moneta è entrata in una fase di euforica corsa al rialzo che ne ha raddoppiato il prezzo fino a 1.800 dollari intorno a maggio 2017, per poi raggiungere un massimo di 19.000 dollari entro la fine dell’anno.

Da CoinDesk.

Allo stesso modo, Ethereum ha iniziato l’anno al minimo, intorno agli 8 dollari, per poi accelerare al rialzo alla fine di marzo. Verso la fine dell’anno, l’asset ha subito un’ulteriore impennata dei prezzi, chiudendo l’anno vicino ai suoi massimi, a circa 750 dollari. In questo periodo di un anno, Ethereum ha guadagnato oltre il 9.200%.

Che cos’è un mercato orso?

Analogamente al mercato del toro, si ritiene che il termine “mercato dell’orso” abbia avuto origine dallo stile di combattimento dell’orso, che muove le zampe verso il basso in caso di attacco.

Un mercato orso è definito come una condizione di mercato in cui i prezzi degli asset sono scesi del 20% o più rispetto ai loro recenti massimi. In confronto, una correzione di mercato è un calo del 10% o meno. Nonostante questa soglia, il mercato orso medio dal 1929 ha registrato cali dal 30% al 40%. Quindi, se ci si chiede “la criptovaluta è in un mercato orso nel 2022?”, la risposta è sì, secondo i benchmark tradizionali e l’analisi tecnica.

Oltre che dai numeri, un mercato orso è caratterizzato anche dalle prospettive pessimistiche degli investitori sull’economia e dalla mancanza di fiducia nei mercati. In generale, gli investitori sono molto cauti con il loro denaro durante un mercato ribassista, poiché nessuno sa con certezza quando o se un mercato ribassista finirà.

Quali sono le cause di un mercato orso?

Un mercato orso può iniziare già nel periodo immediatamente precedente o successivo all’entrata in recessione dell’economia. I fattori, tuttavia, possono variare.

Ad esempio, mentre la pandemia COVID-19 incombeva sul mondo, gli indicatori che segnalavano un mercato ribassista comprendevano le chiusure di grandi aziende e l’aumento dei tassi di disoccupazione.

Al contrario, il tipico mercato orso può essere innescato dall’indebolimento dei fondamentali economici, come il blocco delle assunzioni, la decelerazione della crescita aziendale, gli elevati tassi di inflazione e di disoccupazione e l’aumento dei tassi di interesse.

Per la maggior parte degli investitori, questi indicatori negativi rappresentano i primi segnali di attenzione nei confronti di un’economia in contrazione. Di conseguenza, molti inizieranno a liquidare gli asset più volatili e a investire i propri fondi in asset più stabili, come metalli preziosi o titoli di Stato. Invece di voler massimizzare i profitti, passeranno alla modalità di conservazione del capitale.

Quando inizia la vendita, la crescita del mercato si arresta ulteriormente, suscitando la preoccupazione degli altri investitori o degli operatori di mercato. Quindi, più gli investitori iniziano a vendere, più rapidamente la domanda di asset si esaurisce e l’offerta travolge il mercato, causando un ulteriore calo dei prezzi.

Indicatori del mercato orso

  • Alti tassi di inflazione
  • Alti tassi di disoccupazione
  • Rallentamento della crescita economica
  • L’offerta è superiore alla domanda
  • Decelerazione delle stime sugli utili aziendali

Esempi

Da CoinDesk.

Uno dei mercati ribassisti del Bitcoin è arrivato rapidamente dopo il suo picco alla fine del 2017. Nonostante le discussioni tra governi, economisti, matematici ed esperti di tecnologia sulle varie applicazioni della tecnologia blockchain sottostante, i prezzi sono stati ritenuti troppo alti per mantenere una domanda significativa. Di conseguenza, l’offerta ha superato la domanda e i prezzi sono gradualmente scesi. In questo periodo, il Bitcoin è migrato dai massimi di 17.527 dollari nel gennaio 2018 ai minimi di 3.236 dollari nel dicembre 2018.

Da CoinDesk.

Nello stesso periodo, anche Ethereum ha vissuto un mercato ribassista. Una volta che la domanda di questo asset si è raffreddata e i primi acquirenti hanno bloccato i loro profitti, i venditori hanno superato gli acquirenti, portando a una svendita. I suoi prezzi hanno raggiunto un picco di circa 1.382 dollari a metà gennaio 2018, prima di scendere gradualmente e chiudere vicino al fondo di questo periodo a circa 116 dollari.

Mercato rialzista o mercato orso: cosa considerare in ciascuno di essi

In qualità di utenti di criptovalute, è inevitabile imbattersi in una serie di mercati toro e orso. Nonostante le differenze, i detentori di criptovalute possono ottimizzare le loro strategie per sfruttare al massimo le opportunità offerte da ciascun mercato. È quindi fondamentale comprendere le dinamiche dei mercati toro e orso.

Approcci da considerare in un mercato rialzista

In un mercato rialzista, dove le prospettive sono positive, gli utenti di criptovalute in genere traggono i maggiori vantaggi quando riescono a riconoscere per tempo la tendenza e ad acquistare per tempo le valute a cui sono interessati. Questo aumenta notevolmente i rendimenti potenziali quando altri investitori entrano nel mercato e fanno salire i prezzi. In media, i mercati toro tendono a durare più a lungo dei mercati orso e le correzioni di mercato all’interno di un mercato toro sono generalmente minime e di breve durata.

Tuttavia, se i fattori macroeconomici prendono una piega inaspettata, dando luogo a un mercato ribassista, gli utenti di criptovalute tendono a ridurre le loro posizioni o a bloccare i profitti vendendo gli asset.

Ciò è particolarmente importante per i finanziatori di criptovalute a minore capitalizzazione di mercato e di nuovi progetti, poiché non vi è alcuna garanzia che questi asset digitali possano sopravvivere a un mercato ribassista. In questo caso, molti detentori preferiscono spostare i loro fondi in attività meno volatili per la durata di un imminente mercato orso.

Approcci da considerare in un mercato orso

Quando i detentori vendono le loro attività, i prezzi delle attività scendono, offrendo agli acquirenti l’opportunità di ottenere rendimenti potenzialmente più elevati in futuro. Alcuni utenti di criptovalute cercano di acquistare determinati asset di criptovalute che ritengono a basso prezzo con l’intenzione di venderli al culmine del prossimo mercato toro.

L’avvertenza è che nessuno sul mercato è in grado di prevedere quanto durerà un mercato ribassista, soprattutto se guidato da fattori economici globali o da altre circostanze esterne. Di conseguenza, gli utenti di criptovalute che intraprendono questa strada potrebbero acquistare prematuramente un determinato asset, mentre i prezzi sono ancora in fase di ribasso.

Mercato toroMercato orso
Prospettive ottimisticheProspettive pessimistiche
Forte domandaDomanda debole
Economia sana e in crescitaRallentamento dell’economia
Mercato toroProspettive ottimistiche
Mercato orsoProspettive pessimistiche
Mercato toroForte domanda
Mercato orsoDomanda debole
Mercato toroEconomia sana e in crescita
Mercato orsoRallentamento dell’economia

Gli indicatori generali della tabella precedente sono una buona distinzione generale tra un mercato toro e uno orso, ma ci sono anche altri fattori che possono contribuire allo stato del mercato, tra cui circostanze imprevedibili, come ad esempio un’inversione di tendenza. evento del cigno nero (ad esempio la pandemia di Covid-19), che possono cogliere di sorpresa i detentori di criptovalute.

Il mercato è sempre in fase di rialzo o di ribasso?

La risposta breve è no. È importante notare che spesso il mercato esiste semplicemente in uno stato neutrale.

Questo accade quando gli acquirenti di un bene sono in equilibrio con i venditori; non c’è scarsità o eccedenza. In questo mercato, sebbene vi siano ancora fluttuazioni dei prezzi, questi rimangono generalmente all’interno di un intervallo ridotto. Per questo motivo, molti utenti preferiscono aspettare che ci siano maggiori indicazioni sul seguito di un mercato toro o orso prima di scegliere di entrare o uscire dal mercato.

Pensieri finali

Sebbene i mercati toro e orso siano guidati dalle aspettative degli operatori di mercato sulla direzione dell’economia, è estremamente difficile individuare il top o il bottom di un mercato. Nonostante l’incertezza, la maggior parte dei trader è convinta che i mercati siano ciclici. Questo vale sia per i mercati finanziari tradizionali che per i mercati delle criptovalute e degli asset digitali.

Molti detentori di criptovalute cercano strategie per un successo sostenibile e preferiscono un’asset allocation strategica a lungo termine, come il dollar-cost averaging (DCA). In alternativa, anche non partecipare a un mercato ribassista è una scelta comune per i detentori, in quanto consente loro di prepararsi per il prossimo mercato rialzista.

Forse ci vorrà un po’ più di tempo per pianificare il tutto con il vostro consulente finanziario utilizzando strumenti di valutazione, ma vi aiuterà a superare le diverse fasi di un ciclo di mercato, a evitare il compito quasi impossibile di cronometrare il mercato e a prendere decisioni di investimento razionali e non emotive.

Due diligence e ricerca personale

Tutti gli esempi elencati in questo articolo sono solo a scopo informativo. L’utente non deve interpretare tali informazioni o altro materiale come consulenza legale, fiscale, di investimento, finanziaria o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel presente documento costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un’approvazione o un’offerta da parte di Crypto.com di investire, acquistare o vendere qualsiasi asset crittografico. I rendimenti derivanti dall’acquisto e dalla vendita di criptovalute possono essere soggetti a imposte, compresa l’imposta sulle plusvalenze, nella vostra giurisdizione.

Le performance passate non sono una garanzia o una previsione di quelle future. Il valore delle criptovalute può aumentare o diminuire e voi potreste perdere tutto o una parte consistente del vostro prezzo di acquisto. Quando valutate un asset crittografico, è essenziale che facciate le vostre ricerche e la vostra due diligence per esprimere il miglior giudizio possibile, poiché ogni acquisto sarà di vostra esclusiva responsabilità.

Tag

crypto

Crypto101

investment

Market

trading

Condividi con gli amici

Che aspetti a iniziare la tua avventura crypto?

Ottieni subito la guida dedicata alla configurazione dell'account Crypto.com

Cliccando il pulsante Inizia riconosci di aver letto l'Avviso sulla privacy di Crypto.com dove illustriamo come usiamo e proteggiamo i tuoi dati personali.
Mobile phone screen displaying total balance with Crypto.com App

Common Keywords: 

Ethereum / Dogecoin / Dapp / Tokens