Cos’è la Proof of Stake delegata?

Vi presentiamo una panoramica del meccanismo di consenso noto come DPoS. Per saperne di più su cos’è e come funziona.

Oct 03, 2022
|

Dpos Opt

Il Delegated Proof of Stake (DPoS) è un meccanismo di consenso che rappresenta una variante del classico sistema Proof of Stake (PoS). Il DPoS si è evoluto dal PoS e consente agli utenti della rete di votare i delegati che poi convalidano i blocchi. In questo articolo analizziamo gli aspetti che lo rendono unico.

Punti di forza:

  • DPoS è stato concepito da Dan Larimer nel 2013 e utilizzato nel suo progetto BitShares.
  • Il DPoS è il Proof of Stake (PoS) con una leggera differenza: In DPoS, gli utenti votano i delegati, noti anche come validatori, per verificare e produrre i blocchi. Dopo aver prodotto con successo un blocco, questi validatori possono distribuire le ricompense del blocco a coloro che hanno votato per loro.
  • Pro di DPoS:
  1. Basato sulla reputazione
  2. Veloce
  3. Requisiti hardware minimi e scalabili
  4. Potere di voto
  • Contro del DPoS:
  1. Detentori di token dannosi
  2. Mancanza di decentramento
  3. Il coinvolgimento è necessario
  • EOS, BitShares e TRON sono solo alcuni dei progetti che utilizzano DPoS per alimentare le loro blockchain.

Che cos’è il DPoS?

Mentre Bitcoin raggiunge un accordo tramite Proof of Work (PoW), ci sono alcuni altri modi in cui le reti blockchain possono raggiungere un consenso. Il Proof of Stake (PoS) è uno dei meccanismi di consenso più comuni.

In un sistema PoS, i validatori verificano le transazioni dei blocchi in base a quante monete hanno puntato nella rete. Invece di risolvere complesse equazioni matematiche, come in un metodo di consenso PoW, i minatori puntano una quantità fissa di monete richiesta dalla rete che consente loro di convalidare le transazioni.

Storia della Proof of Stake delegata (DPoS)

L’idea di Proof of Stake (PoS) è stata discussa per la prima volta nel luglio 2011 durante un forum di Bitcointalk, con l’intento di trovare un modo per elaborare e verificare i blocchi in modo più efficiente. Successivamente, Daniel Larimer ha ideato DPoS nel 2013 e lo ha introdotto nel 2014 come versione modificata del meccanismo di consenso standard Proof of Stake (PoS). La prima iterazione di DPoS è stata distribuita su BitShares nel 2015.

Come funziona il DPoS?

Gli utenti della rete votano ed eleggono i delegati, che convalidano i blocchi. Chiamati anche “testimoni” o “produttori di blocchi”, solo un certo numero di questi delegati è consentito; e possono cambiare, poiché altri possono essere votati al loro posto.

Con il DPoS, gli utenti delle reti possono riunire i token in un pool di scommesse e votare per il delegato che desiderano. Quando si effettua lo staking, gli utenti della rete non hanno bisogno di inviare i loro token a un particolare portafoglio; al contrario, esiste un meccanismo di staking o un fornitore di servizi attraverso il quale possono operare.

I delegati sono importanti perché garantiscono l’accuratezza delle transazioni e, se convalidano correttamente il blocco, vengono ricompensati con le commissioni di transazione, che possono essere distribuite agli individui che li hanno votati. Più un utente è in grado di puntare, più grande sarà l’assegnazione che potrà ricevere.

La ricompensa di un utente da parte del suo delegato è legata alla quota di partecipazione totale che rappresenta. Ad esempio, se un utente rappresenta solo il 10% dell’intero pool di scommesse, riceverà fino al 10% della ricompensa totale.

Pro e contro del DPoS

Pro

  • Basato sulla reputazione I delegati vengono eletti attraverso un processo democratico, che consente loro di costruirsi una reputazione di affidabilità, un motivo fondamentale per cui gli utenti votano per loro invece che per i singoli individui con i maggiori investimenti.
  • Veloce – Il DPoS raggiunge il consenso più velocemente perché la rete ha un limite massimo al numero di delegati necessari. In genere ci sono da 20 a 100 delegati, a seconda della blockchain, e questo numero limitato di delegati aiuta la rete a raggiungere il consenso più rapidamente rispetto ai sistemi PoS e alle reti PoW più tradizionali.
  • Scalabilità/Minimo hardware Il metodo di consenso DPoS è più scalabile poiché non richiede hardware per la potenza di hashing, a differenza di PoW. Per accedere alla maggior parte delle reti DPoS è sufficiente puntare le monete.
  • Potere di voto Poiché gli utenti che partecipano sono in grado di votare i delegati come produttori di blocchi, questo incentiva i delegati ad assicurarsi che agiscano di conseguenza. In caso contrario, possono essere eliminati. Ciò contribuisce a garantire la responsabilità, in quanto solo i delegati più redditizi e onesti vengono scelti o mantenuti.

Contro

  • Detentori di gettoni maligni Poiché non ci sono migliaia di delegati, un sistema DPoS corre il rischio di un attacco del 51%, ovvero un attacco che coinvolge almeno il 51% dei delegati che agiscono in modo maligno nei confronti della rete per fare essenzialmente ciò che vogliono. Questi attacchi possono essere organizzati più facilmente nelle blockchain DPoS, poiché in genere hanno un numero inferiore di delegati.
  • Decentramento ridotto Sebbene non tutti i progetti che utilizzano il DPoS debbano affrontare questo problema, ve ne sono alcuni che lo affrontano. In alcuni progetti, il 26% dell’offerta totale di token è destinato a venture capitalist (VC) e addetti ai lavori. Poiché i sistemi DPoS hanno in genere solo un certo numero di delegati, ci si chiede se siano veramente decentralizzati. Ad esempio, una rete con meno di 30 delegati alla volta può essere considerata non veramente decentralizzata.
  • È necessario il coinvolgimento – DPoS richiede che i partecipanti votino i delegati per garantire il funzionamento della rete. Per questo motivo, è necessario che gli individui che utilizzano la rete rimangano attivi e coinvolti; altrimenti, la rete non funzionerà.

PoW vs. PoS/DPoS

Sebbene Proof of Work (PoW) offra una forte sicurezza, manca di efficienza energetica e scalabilità. Con PoW, i minatori competono tra loro per risolvere complessi problemi matematici che richiedono un’enorme potenza di calcolo per completare e convalidare le transazioni.

Il PoS, invece, richiede ai membri di puntare un certo numero di token precedentemente determinati che fungono da garanzia per il sistema PoS per assicurare che tutti i validatori agiscano onestamente. Se un validatore non agisce onestamente, perde il suo status di validatore.

Sebbene il DPoS abbia molte somiglianze con il PoS, la differenza principale è che utilizza un approccio più democratico e consente agli utenti che partecipano di votare i delegati che vogliono verificare i blocchi.

Progetti che utilizzano il DPoS

EOSUna blockchain DPoS sviluppata da Block.one, con Daniel Larimer come architetto, che è open-source e offre competenze e certificazioni per coloro che desiderano imparare i dettagli del suo sistema. EOS è una delle prime blockchain a utilizzare DPoS e offre scalabilità con bassa latenza. Attualmente EOS dispone di 21 delegati per la sua rete.

BitShares – Piattaforma decentralizzata progettata per i pagamenti globali, questo progetto è stato co-fondato da Daniel Larimer nel 2013 e creato nel 2014. Una società autonoma decentralizzata (DAC) gestisce BitShares e permette ai possessori del token BitShares (BTS) di decidere le prossime mosse del progetto.

TRONUna blockchain decentralizzata fondata da Justin Sun, TRON è uno dei progetti più grandi per capitalizzazione di mercato nello spazio delle criptovalute che attualmente utilizza il DPoS. TRON mira a fornire una serie di applicazioni diverse agli utenti, dalla finanza decentralizzata(DeFi) ai servizi di streaming alla musica. TRON ha attualmente 27 delegati, noti anche come Super Rappresentanti.

Conclusione

DPoS è un’opportunità per gli individui di contribuire a una rete blockchain, anche senza grandi quantità di fondi per ottenere attrezzature per il mining. I sistemi DPoS, tuttavia, non sono perfetti e presentano delle lacune, come ad esempio i problemi legati al decentramento.

Sebbene nessun sistema sia perfetto, le blockchain continuano a progredire e a creare sistemi nuovi e migliori. Consultate la nostra guida sul Web 3.0 e su come ci stiamo dirigendo verso un futuro decentralizzato.

Due diligence e ricerca personale

Tutti gli esempi elencati in questo articolo sono solo a scopo informativo. L’utente non deve interpretare tali informazioni o altro materiale come consulenza legale, fiscale, di investimento, finanziaria o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel presente documento costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un’approvazione o un’offerta da parte di Crypto.com di investire, acquistare o vendere monete, token o altri asset crittografici. I rendimenti derivanti dall’acquisto e dalla vendita di criptovalute possono essere soggetti a imposte, compresa l’imposta sulle plusvalenze, nella vostra giurisdizione. Tutte le descrizioni di Crypto.com o di altri prodotti o caratteristiche sono solo a scopo illustrativo e non costituiscono un’approvazione, un invito o una sollecitazione.

Le performance passate non sono una garanzia o una previsione di quelle future. Il valore delle criptovalute può aumentare o diminuire e voi potreste perdere tutto o una parte consistente del vostro prezzo di acquisto. Quando valutate un asset crittografico, è essenziale che facciate le vostre ricerche e la vostra due diligence per esprimere il miglior giudizio possibile, poiché ogni acquisto sarà di vostra esclusiva responsabilità.

Tag

Blockchain

consensus

cryptocurrency

Finance

investing

Condividi con gli amici

Che aspetti a iniziare la tua avventura crypto?

Ottieni subito la guida dedicata alla configurazione dell'account Crypto.com

Cliccando il pulsante Inizia riconosci di aver letto l'Avviso sulla privacy di Crypto.com dove illustriamo come usiamo e proteggiamo i tuoi dati personali.
Mobile phone screen displaying total balance with Crypto.com App

Common Keywords: 

Ethereum / Dogecoin / Dapp / Tokens