Tokenizzazione dei dati: cos’è e perché è importante per le criptovalute

Esplora la tokenizzazione dei dati: funzionamento con la blockchain e applicazioni con criptovalute e altri settori

Dec 05, 2023
|

Data Tokenization F

Punti chiave:

  • La tokenizzazione dei dati prevede la sostituzione dei dati sensibili con token univoci, rendendo inaccessibili le informazioni originali.
  • La sostituzione dei dati sensibili con token può ridurre il rischio di violazione dei dati e consente una perfetta integrazione nei sistemi esistenti, migliorando la portabilità e l’integrazione dei dati.
  • La tokenizzazione dei dati è già applicata in diversi settori, tra cui quello finanziario (protezione delle transazioni con carta di credito), quello sanitario (protezione dei dati dei pazienti) e quello della gestione degli asset (conversione degli asset in token digitali per il trading).
  • Per garantire la sicurezza dei dati sensibili, può essere utilizzata in combinazione con la crittografia per una sicurezza a più livelli.

Introduzione alla tokenizzazione dei dati

Nell’odierna era digitale, la sicurezza dei dati è di fondamentale importanza. Poiché le organizzazioni raccolgono e archiviano grandi quantità di informazioni sensibili, garantirne la protezione diventa un compito critico. Un metodo che negli ultimi anni ha ottenuto una notevole attenzione è la tokenizzazione dei dati.

Questo articolo approfondisce cos’è la tokenizzazione dei dati, come funziona sulla blockchain e i suoi vantaggi e applicazioni in vari settori.

Capire la tokenizzazione e la sua definizione

La tokenizzazione, nel contesto della sicurezza dei dati, si riferisce al processo di sostituzione dei dati sensibili con identificatori unici chiamati token. Questi token non hanno alcun valore intrinseco e sono privi di significato al di fuori del contesto del sistema in cui vengono utilizzati.

In parole povere, la tokenizzazione sostituisce le informazioni sensibili, come i numeri delle carte di credito o i numeri di identificazione personale (PIN), con token generati casualmente, mantenendo il formato e la lunghezza dei dati originali.

La tokenizzazione offre diversi vantaggi rispetto ad altri metodi di protezione dei dati. In primo luogo, riduce il rischio di violazione dei dati, poiché i token non hanno valore e non possono essere decodificati per rivelare i dati sensibili originali. Inoltre, la tokenizzazione semplifica la conformità alle normative sulla protezione dei dati, in quanto le organizzazioni possono limitare la portata dei sistemi controllati a quelli che gestiscono direttamente i dati sensibili.

Come funziona la tokenizzazione dei dati

Il processo di tokenizzazione dei dati prevede diverse fasi chiave. Inizialmente, i dati sensibili vengono identificati e segmentati in elementi distinti, come numeri di carte di credito, numeri di previdenza sociale o altre informazioni di identificazione personale (PII). Questi elementi vengono poi passati attraverso un sistema di tokenizzazione, che genera token unici per ogni elemento dei dati.

Il sistema di tokenizzazione consiste in un caveau o database di token che memorizza in modo sicuro la mappatura tra i dati sensibili originali e i token corrispondenti, a loro volta generati con algoritmi crittografici che ne garantiscono l’unicità e la casualità. Una volta tokenizzati, i dati sensibili vengono eliminati dal sistema, lasciando solo i token.

Quando un token deve essere utilizzato, ad esempio durante una transazione o il recupero di dati, viene inviato al sistema di tokenizzazione, che recupera i dati sensibili corrispondenti dal caveau dei token. I dati vengono quindi restituiti al sistema richiedente, consentendo operazioni senza interruzioni e senza esporre le informazioni sensibili originali.

Vantaggi della tokenizzazione dei dati

La tokenizzazione dei dati offre numerosi vantaggi alle organizzazioni che desiderano proteggere i propri dati sensibili. La tokenizzazione riduce il rischio di violazione dei dati, poiché i token non hanno alcun valore per i potenziali aggressori. Pertanto, anche se si verifica una violazione, i token rubati non possono essere ricollegati ai dati sensibili originali senza accedere al caveau dei token.

Inoltre, la tokenizzazione semplifica la conformità alle normative sulla protezione dei dati, come il Payment Card Industry Data Security Standard (PCI DSS). Con la tokenizzazione dei dati delle carte di credito, le organizzazioni possono ridurre significativamente la portata dei loro audit di conformità, poiché i token non sono più considerati dati sensibili. Questa semplificazione consente di risparmiare tempo, sforzi e risorse per raggiungere e mantenere la conformità normativa.

Inoltre, la tokenizzazione migliora la portabilità e l’integrazione dei dati. Poiché i token mantengono il formato e la lunghezza dei dati originali, possono essere integrati senza problemi nei sistemi e nei processi esistenti senza richiedere modifiche significative. La flessibilità consente alle organizzazioni di sfruttare la tokenizzazione in diverse applicazioni e piattaforme, garantendo una sicurezza dei dati coerente in tutte le loro attività.

Esempi di tokenizzazione in diversi settori

La tokenizzazione trova applicazione in un’ampia gamma di settori, ognuno dei quali beneficia delle sue caratteristiche uniche di sicurezza dei dati. Nel settore finanziario, la tokenizzazione è ampiamente utilizzata per proteggere le transazioni con carta di credito. Invece di memorizzare i numeri effettivi delle carte di credito, gli esercenti memorizzano i token che rappresentano i dettagli della carta. Questo approccio elimina il rischio di esporre le informazioni finanziarie dei clienti in caso di violazione.

Un altro settore che sfrutta la tokenizzazione è quello sanitario, dove i dati sensibili dei pazienti, come le cartelle cliniche o le informazioni assicurative, vengono tokenizzati per proteggere la privacy dei pazienti e consentire al contempo un’elaborazione efficiente dei dati. La tokenizzazione garantisce che solo il personale autorizzato possa accedere alle informazioni originali del paziente, riducendo il rischio di divulgazione non autorizzata.

La tokenizzazione si sta affermando anche nel settore della gestione degli asset, che prevede la conversione di beni tangibili o intangibili, come immobili o proprietà intellettuale, in token digitali. I token possono poi essere scambiati o trasferiti su piattaforme blockchain, fornendo una maggiore liquidità e trasparenza di asset tradizionalmente illiquidi.

Tokenizzazione dei dati e crittografia

La tokenizzazione dei dati e la crittografia sono metodi di protezione dei dati, ma si differenziano per l’approccio e i casi d’uso. La crittografia consiste nel convertire i dati in un formato codificato utilizzando algoritmi di cifratura, rendendoli illeggibili senza la corrispondente chiave di decifrazione. La tokenizzazione, invece, sostituisce i dati sensibili con token unici privi di valore intrinseco.

La distinzione principale sta nel livello di sicurezza fornito. La crittografia è progettata per fornire una sicurezza forte e matematica, che la rende adatta a proteggere i dati salvati o in transito. La tokenizzazione, invece, si concentra sulla protezione dei dati durante l’elaborazione e l’archiviazione. Eliminando la necessità di decifrare i dati per l’uso autorizzato, la tokenizzazione riduce gli attacchi e attenua il rischio di esporre informazioni sensibili.

Tieni presente che la tokenizzazione e la crittografia non si escludono a vicenda. Anzi, possono essere utilizzate insieme per fornire una sicurezza a più livelli. Crittografando i dati tokenizzati, le organizzazioni possono aggiungere un ulteriore livello di protezione, garantendo che, anche se i token vengono compromessi, i dati crittografati rimangano al sicuro.

Le sfide della tokenizzazione dei dati

Sebbene la tokenizzazione dei dati offra numerosi vantaggi, presenta anche alcune sfide e considerazioni che le organizzazioni devono affrontare. Richiede un’attenta pianificazione e implementazione per garantire la sicurezza e l’integrità del caveau dei token, che deve essere adeguatamente protetto da accessi non autorizzati e manomissioni, poiché la compromissione del caveau consentirebbe agli aggressori di collegare i token ai dati sensibili originali.

Inoltre, la tokenizzazione introduce complessità nel reperimento dei dati e nell’integrazione dei sistemi. Le organizzazioni devono assicurarsi che i loro sistemi siano in grado di gestire senza problemi i dati tokenizzati e di recuperare le informazioni sensibili corrispondenti quando necessario. Potrebbe essere necessario aggiornare le applicazioni, i database e chiavi API esistenti per adattarle all’elaborazione dei dati basati sui token.

Inoltre, le organizzazioni devono considerare l’impatto della tokenizzazione nell’analisi dei dati e nella reportistica. I dati tokenizzati potrebbero non essere adatti a determinate tecniche analitiche o requisiti di reporting, poiché i token non hanno il significato intrinseco dei dati sensibili originali. Le organizzazioni devono valutare attentamente i compromessi tra sicurezza dei dati e capacità analitiche per garantire il raggiungimento dei risultati desiderati.

La sicurezza dei dati continua a evolversi, così come il campo della tokenizzazione. Si stanno delineando diverse tendenze che daranno forma al futuro della tecnologia di tokenizzazione. Una di queste tendenze è l’integrazione della tokenizzazione con le tecnologie emergenti, come la blockchain e l’intelligenza artificiale (AI). Combinando la tokenizzazione con la blockchain, le organizzazioni possono migliorare la trasparenza, la tracciabilità e l’immutabilità dei dati tokenizzati.

Inoltre, l’intelligenza artificiale può svolgere un ruolo cruciale nella tokenizzazione, automatizzando il processo di assegnazione dei token e identificando modelli nei dati tokenizzati. Gli algoritmi di intelligenza artificiale possono analizzare gli elementi dei dati e generare token in base a schemi o regole predefinite, semplificando il processo di tokenizzazione e riducendo la dipendenza dall’intervento manuale.

Un’altra tendenza è l’espansione della tokenizzazione oltre i tipi di dati tradizionali. Sebbene la tokenizzazione sia comunemente utilizzata per informazioni sensibili come i numeri delle carte di credito o i numeri di previdenza sociale, la sua applicazione può essere estesa ad altri tipi di dati, come quelli biometrici o di geolocalizzazione. Con la tokenizzazione di questi ulteriori tipi di dati, le organizzazioni possono migliorare la protezione della privacy e conformarsi alle normative in evoluzione in materia di protezione dei dati.

Conclusione

La tokenizzazione dei dati è una potente tecnica di sicurezza dei dati che consente alle organizzazioni di proteggere le informazioni sensibili mantenendo l’efficienza operativa. Sostituendo i dati sensibili con token, le organizzazioni possono ridurre al minimo il rischio di violazione dei dati, semplificare la conformità alle normative e migliorare la portabilità e l’integrazione dei dati. La tokenizzazione è utilizzata in diversi settori, dalla finanza alla sanità alla gestione degli asset.

Sebbene la tokenizzazione e la crittografia abbiano scopi diversi, possono essere utilizzate insieme per fornire una sicurezza stratificata. Tuttavia, le organizzazioni devono pianificare e implementare con attenzione la tokenizzazione per affrontare le sfide legate alla sicurezza dei caveau, al recupero dei dati e all’integrazione dei sistemi.

In prospettiva, l’integrazione della tokenizzazione con le tecnologie emergenti e la sua estensione a nuovi tipi di dati contribuiranno a delineare il futuro della sicurezza dei dati.

Svolgi la due diligence e conduci le tue ricerche

Tutti gli esempi menzionati in questo articolo hanno unicamente scopo informativo. Non dovresti interpretare queste informazioni o qualsiasi altra parte del contenuto come consulenza legale, fiscale, finanziaria, di investimento, sulla sicurezza informatica o di qualsiasi altro tipo. Niente di quanto contenuto in questo documento costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un’approvazione o un’offerta da parte di Crypto.com per investire, acquistare o vendere criptovalute, token o altri asset crypto. I rendimenti derivanti dall’acquisto e dalla vendita di criptovalute potrebbero essere soggetti a imposte, tra cui l’imposta sulle plusvalenze, del tuo Paese. Qualsiasi descrizione dei prodotti o delle funzionalità di Crypto.com ha unicamente scopo illustrativo e non costituisce un’approvazione, un invito o una sollecitazione.

Le prestazioni passate non costituiscono una garanzia né un indicatore delle prestazioni future. Il valore delle criptovalute può aumentare o diminuire, e c’è il rischio di perdere l’intero importo o una parte significativa dell’importo di acquisto. Quando valuti un asset crypto, è fondamentale condurre ricerche approfondite e svolgere la dovuta diligenza al fine di prendere la decisione migliore possibile, poiché ogni acquisto sarà di tua piena responsabilità.

Tag

Blockchain

crypto

data security

tokens

Condividi con gli amici

Che aspetti a iniziare la tua avventura crypto?

Ottieni subito la guida dedicata alla configurazione dell'account Crypto.com

Cliccando il pulsante Inizia riconosci di aver letto l'Avviso sulla privacy di Crypto.com dove illustriamo come usiamo e proteggiamo i tuoi dati personali.
Mobile phone screen displaying total balance with Crypto.com App

Common Keywords: 

Ethereum / Dogecoin / Dapp / Tokens