Come funziona l’estrazione di Bitcoin? 

I Bitcoin possono essere estratti per ottenere ricompense in BTC: ecco come funziona il processo in dettaglio.

Oct 27, 2023
|

Immagine 13

Punti di forza:

  • I bitcoin vengono creati attraverso un processo chiamato “mining“, in cui i minatori devono risolvere un complesso puzzle matematico; in cambio, vengono ricompensati con nuovi bitcoin.
  • In questo sistema, chiamato Proof of Work (PoW), chiunque disponga di un computer e di una configurazione adeguata può diventare un minatore per convalidare e registrare le transazioni con altri minatori.
  • Le farm minerarie sono magazzini su scala industriale pieni di attrezzature minerarie al solo scopo di estrarre criptovalute.
  • Ogni 210.000 blocchi, o all’incirca ogni quattro anni, la ricompensa per il mining di Bitcoin si dimezza.
  • Poiché le ricompense per il mining diminuiscono gradualmente per il Bitcoin, esiste un altro tipo di incentivo per i minatori che verificano le transazioni: le commissioni di rete.
  • Poiché il Bitcoin diventa più difficile da estrarre e le ricompense per l’estrazione si dimezzano, molti potrebbero trovare meno allettante provare a estrarre bitcoin.

Che cos’è l’estrazione di Bitcoin?

I Bitcoin vengono creati attraverso un processo chiamato “mining“, in cui i minatori devono risolvere un complesso puzzle matematico prima di poter aggiungere nuove transazioni alla blockchain. In cambio, vengono ricompensati con nuovi bitcoin.

In questo sistema, chiamato Proof of Work (PoW), chiunque disponga di un computer e di una configurazione adeguata può diventare un minatore per convalidare e registrare le transazioni con altri minatori.

Regolazioni del tempo di blocco e della difficoltà

È importante che il sistema mantenga un ritmo relativamente costante indipendentemente dal numero di minatori attivi, ma è difficile prevedere quanti minatori si uniranno.

Bitcoin utilizza un meccanismo chiamato “aggiustamento della difficoltà” per mantenere costante la velocità di estrazione, pari a circa 10 minuti per blocco. La “difficoltà” viene modificata ogni due settimane, tenendo conto della potenza di hash (quantità di minatori) esistente in passato. Se la potenza di hash è insufficiente (ad esempio, il tempo medio di blocco è superiore a 10 minuti), la difficoltà viene ridotta. Al contrario, se la potenza di hash è troppo alta (cioè il tempo medio di blocco è superiore a 10 minuti), la difficoltà aumenta.

Come vengono determinati gli aggiustamenti di difficoltà?

Il protocollo di Bitcoin prevede che i minatori competano tra loro per risolvere un “puzzle crittografico” (chiamato Proof of Work), e il vincitore propone un nuovo blocco per la blockchain.

Il rompicapo crittografico viene risolto regolando il nonce (un numero casuale arbitrario di 32 bit) in modo che l’hash del blocco sia più piccolo dell’hash target (un valore inferiore a 256 bit).

Puzzle crittografico maggio17

I minatori devono trovare un nonce in modo che l’hash del blocco sia inferiore o uguale all’hash target specificato dalla rete. Se l’hash è inferiore all’obiettivo, il minatore vince e ottiene la ricompensa per il mining. In caso contrario, il miner cambia il nonce e riprova. Maggiore è la potenza di hash nella rete, minore è l’hash di destinazione. Un hash target più piccolo significa che è più difficile per i minatori trovare il nonce corretto per creare un hash di blocco più piccolo dell’hash target.

Per esempio, immaginiamo che il computer scelga a caso un numero compreso tra 1 e 100. La probabilità di trovare un numero inferiore a 10 è del 10%, ma la probabilità di trovare un numero inferiore a 50 è del 50%. Questo è il modo in cui la rete Bitcoin esegue gli aggiustamenti di difficoltà.

Cosa sono gli hashrate nel mining di Bitcoin?

Nella sezione precedente abbiamo capito perché la potenza di hash è importante e come è legata al tempo di blocco e alla regolazione della difficoltà. La potenza di hash è misurata dall’hashrate.

Hashrate

L’hashrate è una misura del numero di operazioni di hash effettuate in un determinato lasso di tempo. Questo varia a seconda dell’hardware coinvolto.

Ad esempio, se un miner ha un dispositivo che genera un hashrate di 30 MHz, allora ci sono 30 milioni di hash al secondo (un hash è una conversione da uno stato all’altro – o, per semplificare, un calcolo). Quindi un’unità di elaborazione grafica (GPU) che produce un hashrate di 30 MHz esegue 30 milioni di calcoli al secondo.

Calcolo dell’hashrate

Più alto è l’hashrate, più è probabile che un minatore risolva il blocco e ottenga una ricompensa. La probabilità che un minatore risolva il blocco può essere stimata approssimativamente con la seguente formula:

P = X / Y

Dove:

P = la probabilità di risolvere un blocco

X = hashrate del minatore

Y = l’hashrate totale della rete, ovvero l’hashrate totale di tutti i minatori che stanno attualmente effettuando il mining

Fattorie minerarie

Le farm minerarie sono magazzini su scala industriale pieni di attrezzature minerarie al solo scopo di estrarre criptovalute. Con migliaia di GPU e circuiti integrati specifici per le applicazioni (ASIC), la potenza complessiva di hashing è di gran lunga superiore a quella di un solo pezzo di hardware per il mining. Questo è stato progettato per rendere più probabile la risoluzione di un blocco e l’ottenimento di una ricompensa.

Come vengono calcolate le ricompense per l’estrazione di Bitcoin?

Le ricompense di estrazione sono un compenso (sotto forma di bitcoin di nuova creazione) generato dal sistema per pagare il lavoro svolto dai minatori, che competono tra loro nella rete per risolvere il puzzle crittografico richiesto per l’estrazione di un nuovo blocco al fine di ricevere la ricompensa. Quindi, maggiore è l’hashrate, maggiore è la possibilità di ricevere la ricompensa per il mining, che per il Bitcoin è attualmente di 6,25 BTC per blocco.

Per migliorare il ritorno sull’investimento (ROI), le società minerarie e i privati devono spesso spendere un bel po’ in anticipo per l’hardware e l’elettricità, al fine di aumentare le probabilità di successo dell’estrazione. Con il drastico aumento dell’hashrate totale della rete Bitcoin, diventa quasi impossibile per un individuo da solo minare bitcoin a causa delle risorse limitate.

I pool minerari, invece, consentono ai singoli individui di mettere insieme le risorse e di contribuire all’attività mineraria esternalizzata. In questo modo, i pool di minatori ottengono maggiori risorse per competere gli uni contro gli altri e i singoli individui condividono le ricompense in proporzione al loro hashrate. In questo modo si attenuano le basse probabilità e gli alti costi iniziali che si possono affrontare quando si estrae da soli.

Dimezzamento del Bitcoin: Dimezzamento dei premi di estrazione

Ogni 210.000 blocchi, o all’incirca ogni quattro anni, la ricompensa per il mining di Bitcoin si dimezza. All’inizio, la ricompensa del blocco di Bitcoin era di 50 BTC. Nel 2012 è stato dimezzato a 25 BTC e nel 2016 è stato nuovamente dimezzato a 12,5 BTC. Nel 2020, la ricompensa del blocco si dimezzerà nuovamente, fino agli attuali 6,25 BTC, e continuerà a dimezzarsi fino a quando non saranno estratti tutti i 21 milioni di BTC.

Leggi la nostra guida approfondita Cos’è il dimezzamento del Bitcoin e come influisce sul prezzo del BTC?

L’offerta di gettoni Bitcoin

Attualmente, al momento in cui scriviamo, sono stati estratti più di 19 milioni di bitcoin (su un totale di 21 milioni di token).

L’offerta totale e l’offerta effettiva di bitcoin variano leggermente a causa della perdita di chiavi private o di danni all’hardware. Inoltre, alcuni bitcoin vengono persi in modo permanente e non possono essere recuperati, rendendo l’offerta effettiva inferiore al valore teorico. Anche l’inventore del Bitcoin, Satoshi Nakamoto, ha una quantità considerevole di bitcoin rimasti intatti dopo averli estratti anni fa.

Il prossimo dimezzamento dei Bitcoin è previsto per il 2024 e alcuni hanno previsto che tutti i bitcoin saranno estratti pochi anni dopo il 2100.

Immagine 11

Un altro modo per pagare i minatori di Bitcoin: le commissioni di transazione

Poiché le ricompense per il mining diminuiscono gradualmente per il Bitcoin e le altre monete che adottano il meccanismo PoW, esiste un altro tipo di incentivo per i minatori a verificare le transazioni: le commissioni di rete. Per le monete che funzionano con il consenso PoW, gli utenti devono pagare una commissione di rete per ogni transazione. La commissione di transazione può variare in base alle condizioni di traffico di rete e per le diverse monete. La commissione di transazione è solitamente calcolata in satoshi (la più piccola unità di bitcoin) per byte.

Le commissioni di transazione sono l’incentivo per i minatori a verificare le transazioni degli utenti. Si noti che è possibile non pagare alcuna commissione di transazione o pagarne una bassa, ma ciò riduce significativamente la possibilità che la transazione venga inclusa nel blocco successivo.

Parole finali – L’estrazione di Bitcoin vale ancora la pena?

Poiché il Bitcoin diventa più difficile da estrarre e le ricompense per l’estrazione si dimezzano, molti potrebbero trovare meno allettante provare a estrarre bitcoin. Inoltre, i nuovi arrivati devono competere con aziende minerarie di livello professionale e investire in costosi impianti di estrazione per essere competitivi. Altre opzioni per ricevere ricompense in criptovaluta sono il lockup, Crypto.com Earn e la detenzione di criptovaluta.

I partecipanti al mercato possono scaricare l’App Crypto.com per acquistare Bitcoin o altre criptovalute, a partire da 1 dollaro.

Due diligence e ricerca personale

Tutti gli esempi elencati in questo articolo sono solo a scopo informativo. L’utente non deve interpretare tali informazioni o altro materiale come consulenza legale, fiscale, di investimento, finanziaria o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel presente documento costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un’approvazione o un’offerta da parte di Crypto.com di investire, acquistare o vendere beni digitali. I rendimenti derivanti dall’acquisto e dalla vendita di attività digitali possono essere soggetti a imposte, tra cui l’imposta sulle plusvalenze e/o l’imposta sul reddito, nella vostra giurisdizione o nelle giurisdizioni in cui siete residenti a fini fiscali. Le descrizioni dei prodotti o delle caratteristiche di Crypto.com hanno uno scopo puramente illustrativo e non costituiscono un’approvazione, un invito o una sollecitazione.

Le performance passate non sono una garanzia o una previsione di quelle future. Il valore degli asset digitali può aumentare o diminuire e voi potreste perdere tutto o una parte consistente del prezzo di acquisto. Quando valutate un bene digitale, è essenziale che facciate le vostre ricerche e la vostra due diligence per giudicare al meglio, poiché ogni acquisto sarà di vostra esclusiva responsabilità.

Tag

bitcoin

proof of work

Condividi con gli amici

Che aspetti a iniziare la tua avventura crypto?

Ottieni subito la guida dedicata alla configurazione dell'account Crypto.com

Cliccando il pulsante Inizia riconosci di aver letto l'Avviso sulla privacy di Crypto.com dove illustriamo come usiamo e proteggiamo i tuoi dati personali.
Mobile phone screen displaying total balance with Crypto.com App

Common Keywords: 

Ethereum / Dogecoin / Dapp / Tokens